Hamilton-Rosberg, la ‘lotta giapponese’ abbia inizio!

Nico Rosberg e Lewis Hamilton
Nico Rosberg e Lewis Hamilton (©Getty Images)

Il team Mercedes sbarca “armi” e bagagli a Suzuka in vista del per il 17° GP stagionale di Formula 1. Dopo la gara anomala di Sepang Lewis Hamilton e Nico Rosberg sono pronti a darsi battaglia per il titolo mondiale nelle cinque restanti gare.

In casa Mercedes si percepisce una certa tensione dopo la rottura del motore della W07 Hybrid del campione in carica, che ha visto svanire, a 15 giri dal traguardo finale, una vittoria che gli avrebbe consentito di comandare la classifica. Invece si ritrova a dover inseguire dopo un week-end beffardo, quasi gli dei del Circus vogliano inclinargli la pista in salita per impedirgli di conquistare il terzo iridato consecutivo, quarto in carriera. Ma non c’è tempo per confutare errori o manomissioni improbabili, bisogna concentrarsi sul Gran Premio del Giappone e finire la gara davanti al compagno di scuderia, ammesso che la dea bendata non faccia altri scherzi.

“La gara in Malesia è stata una grande delusione. Non solo per me, ma per tutta la squadra – ha ammesso Lewis Hamilton -. Tuttavia, non ha senso soffermarsi su queste cose, crea solo energia negativa. Dobbiamo concentrarci solo sulla prossima gara, fare un passo alla volta e fare del nostro meglio. I ragazzi hanno anche incontrato difficoltà e so che stanno lavorando duramente per il successo. Questo non è il mio punto più basso in assoluto, certamente ci sono stati altri momenti più tristi. Ma non importa, userò la mia forza interiore per reagire ai prossimi cinque weekend di gara”.

Rosberg cerca la prima vittoria in Giappone

Nelle due ultime edizioni del GP nipponico Hamilton ha sempre vinto, Suzuka è un circuito che gli porta bene e non bisogna fare altro che sperare continui il trend positivo. Ma Nico Rosberg può vantare un vantaggio in classifica di 23 punti che gli consentirà di non dover rischiare il tutto per tutto. In Malesia la collisione alla partenza con Sebastian Vettel ha complicato di molto la sua gara, del resto inconvenienti e contrattempi fanno parte del gioco…

“La mia gara era quasi finita prima ancora di cominciare. Mi sento in sintonia con Lewis, perché mi sono trovato in questa situazione anch’io. E brutto perdere tanti punti in questo modo. Questo vale anche per i ragazzi il cui duro lavoro viene distrutto in pochi secondi. Naturalmente il risultato della Malesia è andato a mio favore, non posso affermare il contrario. Ma non ho pensato alla situazione punti per tutto l’anno e non voglio cominciare adesso – ha detto il pilota tedesco -. Ora sono in Giappone per vincere la gara e quest’ è l’obiettivo ogni volta”.

Nelle due precedenti edizioni Rosberg ha chiuso in seconda posizione, ma in carriera non ha mai trionfato in Giappone: “È uno dei più grandi circuiti della storia dove tutte le leggende hanno vinto. Pertanto sarebbe un onore aggiungere il mio nome anche su questa lista. Ho bisogno di migliorarmi. Ma credo di aver dimostrato in questa stagione che ho imparato molto in questi ultimi due anni”.

 

Luigi Ciamburro