F1, Juan Pablo Montoya: “Alonso in Mercedes vincerebbe il titolo”

Juan Pablo Montoya
Juan Pablo Montoya (©Getty Images)

Juan Pablo Montoya nella sua carriera ha corso per sei anni in Formula1. I primi quattro in Williams e gli altri in McLaren. Ha disputato 95 gare, vincendone 7 e ottenendo 13 pole position.

In classifica mondiale i suoi migliori risultati sono stati due terzi posti nel 2002 e nel 2003. Proprio nel 2003 contese il titolo a Michael Schumacher, poi vincitore, e a Kimi Raikkonen. La sua eccessiva irruenza, però, gli è spesso costata alcuni buoni risultati. Si è dimostrato un pilota veloce, ma non con la freddezza dei grandi campioni. La sua esperienza in F1 non si può giudicare negativa, ma la sua carriera è fatta anche di tanti anni di Nascar. Ha vinto la 500 Miglia di Indianapolis due volte e la 24 Ore di Daytona tre. Attualmente è impegnato nella IndyCar.

 

Juan Pablo Montoya elogia Fernando Alonso

Il 41enne colombiano è stato intervistato da AS. Gli è stato chiesto di Fernando Alonso e della possibilità di vincere che ora non ha: “Non può lottare per il campionato perché non ha una macchina che può dare di più. Se fosse in Mercedes, probabilmente vincerebbe il titolo. Questo è il problema della F1 attuale, senza la macchina migliore non vinci. Invece nelle Indy son molto alla pari. In F1 se non hai una Mercedes non puoi vincere”. Quando gli viene chiesto se lo spagnolo è il miglior pilota, risponde: “Ce ne sono diversi, ma lui è tra i migliori. Potrebbe tranquillamente giocarsi le gare. E se Hamilton pilotasse una McLaren, andrebbe come Alonso e Button”.

Juan Pablo Montoya ritiene che Fernando Alonso sia tra i top driver della Formula1 e che solo con la Mercedes si possa vincere. Non ha torto, visto che in questi anni a Ferrari e Red Bull sono rimaste le briciole. All’ex di Williams e McLaren la F1 non manca: “No, per niente. In questo momento tutto è cambiato, le gare che ho avuto nel mio tempo non esistono più e le macchine sono cambiate, ma l’anno prossimo potrebbe essere più interessante con grip maggiore”. Nel 2017, infatti, ci saranno alcune modifiche regolamentari che potrebbero rendere la competizioni più interessante. Vedremo se questo sport riuscirà a catturare maggiore interesse.