MotoGP Ducati, Andrea Dovizioso: “Frustrati per la situazione”

Andrea Dovizioso
Andrea Dovizioso (©Getty Images)

Il week-end di Aragon è stato pesantemente negativo per Ducati. Andrea Dovizioso si è classificato 11° e Michele Pirro, sostituto di Andrea Iannone, è arrivato 12°. Grande la distanza dal vincitore Marc Marquez.

Eppure il quarto posto in griglia di partenza conquistato dal Dovi aveva fatto ben sperare. Ma dopo un inizio di gara positivo, con il forlivese vicino ai primi, con il passare dei giri la Desmosedici ha perso posizioni. Il problema ha riguardato l’aderenza e nello specifico gli pneumatici Michelin, che sulla moto italiana non hanno funzionato. Il divario rispetto a Yamaha e Honda è stato notevole. Persino Aprilia è arrivata davanti e questo testimonia la grande crisi avuta dal team di Borgo Panigale in Spagna. In generale sui circuiti spagnoli la Ducati sembra fare un po’ di fatica.

Andrea Dovizioso e Ducati frustrati

Andrea Dovizioso nel post-gara di Aragon e nei giorni seguenti ha espresso la propria amarezza. Il portale Autosport.com ha ripreso alcune sue dichiarazioni: “La gomma anteriore non ha funzionato come sabato”. Dopo quattro giri, c’è stata tanta vibrazione e ciò non gli ha consentito di guidare al massimo.

Il forlivese successivamente ha spiegato la situazione ulteriormente: “Ducati e Michelin sono nella stessa situazione, entrambe vogliono risolvere il problema, stanno lavorando duramente e andremo nei dettagli per risolverlo. Sicuramente siamo davvero frustrati, specialmente quando lavoriamo duro al sabato per migliorare e poi in gara ci ritroviamo questi problemi in gara. E’ veramente brutto”.

Normale ci sia frustrazione, però Andrea Dovizioso non si scaglia contro Michelin in modo severo: “Stanno lavorando e studiando la gomma, siamo coinvolti con lo sviluppo del pneumatico, ogni dettaglio, ogni dato lo condividiamo con la Michelin per cercare di risolvere il problema. Penso che non sia il momento di dire che hanno fatto un errore o che la nostra moto è il problema, perché è troppo presto.”

Infine il pilota Ducati si è così espresso: “Dobbiamo capire le gomme, dobbiamo gestire in modo migliore. Ma domenica non ho avuto feeling, perché la temperatura sul pneumatico non è mai stata così alta. Al Sabato abbiamo fatto un confronto per trovare il miglior pneumatico e Michelin era felice perché la temperatura era nella gamma. Allora forse è una situazione diversa, ma io non lo so. E ‘qualcosa di strano, perché non abbiamo avuto un problema con il pneumatico, con la pressione, abbiamo controllato ed era tutto a posto”.