Valentino Rossi: “Guadagnato poco su Marquez. Ad Aragon posso faticare”

Valentino Rossi
Valentino Rossi (©Getty Images)

Valentino Rossi arriva al Gran Premio di Aragon volenteroso di recuperare altri punti su Marc Marquez. Adesso la distanza è di 43 a cinque gare dalla fine e pertanto c’è anche la consapevolezza che la rimonta è complicata.

Serve una vera e propria impresa al Dottore per conquistare il decimo titolo mondiale. Lui è certamente determinato a fare del suo meglio, ma conosce le difficoltà che incontrerà. Il rivale spagnolo sta gestendo bene il suo vantaggio e solo un ritiro potrebbe riaprire i giochi. Questo appuntamento ad Aragon potrebbe dare una svolta al campionato MotoGP 2016, in un senso o nell’altro. Ma non è escluso neppure che i due piloti arrivino vicini e dunque la situazione rimanga uguale ad ora. Può succedere di tutto e non bisogna scordare altri colleghi come Jorge Lorenzo, Maverick Vinales, Dani Pedrosa e quelli della Ducati. Ci sono diverse variabili di cui tenere conto.

Valentino Rossi in conferenza da Aragon

Valentino Rossi nella conferenza stampa odierna da Aragon ha dichiarato: “La seconda parte della stagione non è stata male, però non sono riuscito a vincere gare. Ho recuperato qualche punto e ho riparato ad alcuni errori della prima parte. Il distacco rispetto a Marquez è ancora grande perché nelle ultime gare ho ottenuto buoni risultati ma ho guadagnato poco. Dobbiamo comunque cercare di continuare così, lavoriamo bene e siamo sempre piuttosto competitivi. In questo week-end potrei avere delle difficoltà, visto che non è un buon circuito per me. Pure l’anno scorso abbiamo faticato, anche se alla fine la gara è stata piuttosto buona ed ero forte, mi sono divertito pur perdendo la battaglia. Qui tutti i piloti spagnoli sono difficili da battere”.

Otto vincitori diversi nelle ultime otto gare. Il nove volte campione del mondo commenta così: “E’ un qualcosa che nessuno si aspettava, perché negli ultimi anni vincevano quasi sempre gli stessi nomi. Ma nelle ultime otto gare ne abbiamo avuti otto diversi. E’ interessante per il campionato, c’è un equilibrio maggiore tra moto e piloti. E quando cambiano le condizioni diversi piloti sono forti. Dobbiamo cercare di essere sempre li e salire sul podio”.