Apple approda in Formula1? Trattativa avviata con McLaren

Apple logo
Apple logo (©Getty Images)

Apple approda in Formula1? Presto per dirlo, ma intanto è certa la trattativa in corso da mesi con McLaren Technology Group. Il produttore inglese di auto, che ha anche il team in F1, interessa molto al noto marchio di pc e telefonia.

L’azienda di Cupertino da tempo sta pensando di espandersi anche nel settore automobilistico. Infatti sta progettando una vettura elettrica e senza guidatore. I negoziati, svelati dal Financial Times, con McLaren  sono un’ulteriore prova dei piani aziendali. Le opzioni in ballo al momento sono due: l’acquisizione diretta oppure un grosso investimento strategico. La valutazione della McLaren si aggira attorno ai 2 miliardi di dollari. Per Apple si tratterebbe della seconda più grande acquisizione, dopo i 3 miliardi spesi per Beats Electronics.

Al produttore nel noto I-Phone interessano molto le tecnologie del marchio britannico, molto all’avanguardia che sperimenta in F1. Ma va detto che quest’ultimo economicamente non se la passa benissimo. Infatti non genera utili, essendo costantemente in perdita. Nel 2015 ha comunque generato ricavi per 450 milioni di sterline e punta a triplicare la produzione di auto fino a 5 mila unità. L’anno scorso ha prodotto “solo” 1654 vetture. Ed è previsto per i prossimi sei anno un investimento complessivo da 1 miliardo in ricerca e sviluppo. La società è detenuta dal suo presidente, Ron Dennis, Mansour Ojjeh e Mumtalakat, fondo sovrano del Bahrain.

Apple fa sul serio, ma riuscire a concludere questa operazione di portata storica non sarà semplice. Convincere i proprietari della McLaren a vendere non è una missione facile. Però un’offerta economica particolarmente elevata può convincere l’azienda di Woking. Si sa che con il denaro si può ottenere quasi tutto, soprattutto quando ce n’è molto in ballo. L’impresa che inventato I-Phone e I-Pad vanta 600 miliardi di dollari di capitalizzazione e 160 miliardi di liquidità. Dunque non ha problemi e può riuscire nell’obiettivo.