Valentino Rossi: “Centralina unica buona idea, Michelin è migliorata”

Valentino Rossi
Valentino Rossi (©Getty Images)

Otto vincitori diversi nelle ultime otto gare della MotoGP: un record nella classe regina dovuto anche alle nuove regole su gomme e centralina elettronica introdotte dall’inizio stagione. Valentino Rossi, Jorge Lorenzo e gli altri piloti sembrano soddisfatti dopo alcune velate critiche nel precampionato. E dal 2017 addio alette.

L’ingresso della Michelin al posto della Bridgestone e l’esordio della centralina unica elettronica della Magneti Marelli hanno sortito gli effetti sperati, consentendo agli inseguitori di avvicinarsi alle big Honda e Yamaha ufficiali, seppur i due colossi nipponici continuino a mantenere ben saldo il vertice di classifica. Nei primi sette GP nulla sembrava cambiato, con la vittoria di Lorenzo in Qatar e le successive tappe vinte dai tre big Honda e Yamaha. Dal GP di Assen, complice anche il maltempo, si sono susseguiti anche nomi insperati sul gradino più alto del podio, come Miller, Vinales, Iannone, Crutchlow fino a Pedrosa nell’ultima gara di Misano.

Il parere dei piloti Movistar Yamaha

Ad inizio stagione Valentino Rossi aveva definito un regresso il ritorno alla centralina unica (non era l’unico a dirlo), ma adesso il pluricampione sembra aver cambiato punto di vista: “Spesso la prima reazione è diversa da quella che si prende dopo la metà della stagione sulle nuove regole. Credo che la centralina standard sia stata una buona idea per avvicinare le moto. All’inizio sembrava che con le nuove gomme Michelin le gare fossero molto più noiose, perché non c’erano molti sorpassi – ha dichiarato il Dottore come riportato da Speedweek.com -. Ma la Michelin ha lavorato intensamente sulle gomme anteriori, ora sono migliori. Naturalmente sul risultato finale di gara ha contribuito anche il tempo. Ma nel complesso questa stagione è sicuramente molto divertente da guardare”.

Jorge Lorenzo mette in rilievo i risvolti positivi e quelli negativi del cambiamento alle regole: “L’elettronica unica riduce i costi per i team e rende probabilmente migliore la competizione, perché siamo tutti più vicini. Naturalmente in questo modo lo sviluppo dell’elettronica viene rallentata per la realizzazione di apparecchiature stradali e la sicurezza dei clienti. Lo stesso vale, a mio parere, anche per le alette. Questo sviluppo è stato rallentato. Ma nel complesso è positivo perché rende la gara più emozionante”.