“Scusa se sono unica”: sfottò Fiat nella giornata del perdono

(foto Twitter)
(foto Twitter)
 
Provocazione irriverente, al confine con la scorrettezza, o geniale esempio di marketing? Il dibattito sull’ultima trovata pubblicitaria della Fiat, che a modo suo si fa beffe di Renault e Mini, è aperto.

In occasione della giornata del perdono, la Casa (ex) torinese ha deciso di porgere le sue “scuse” in modo un po’ particolare, stuzzicando i competitor Renault e Mini sui social Facebook e Twitter. L’immagine della campagna lanciata da Fiat è indubbiamente originale e a detta di molti divertente: la foto proposta sul web vede una 500 “parlante” che dice: “Scusa Twingo se sono unica”. Traduzione: la Renault Twingo era una scopiazzatura della 500, che ora chiede perdono all’amica-nemica per il fatto di essere inimitabile. D’altra parte, Lapo Elkann nel 2014 era stato esplicito su Facebook: “Cosa ne pensate dei francesi che copiano la Fiat 500? Renault smettila di copiare, sii originale”. Il riferimento era alla forma a ovetto della Twingo, che ricorda in qualche modo quella della 500. La Fiat ha però nel mirino anche un’altra rivale di tutto rispettoseconda foto lanciata sui social mette infatti in bocca alla 500 le parole: “Scusa Mini se sono bellissima”.

La mossa di marketing della Fiat intende chiaramente ironizzare sulle qualità che rendono la 500 un’icona senza pari, e va da sé che sui social sono già migliaia i commenti (qualcuno anche negativo) e le condivisioni. Ma i produttori rivali bersagliati non sono rimaste a guardare. E con l’hashtag #GiornataDelPerdono sugli stessi social sono arrivate repliche eleganti così come lo è stata la provocazione (e meno male, visto che in Rete basta un attimo per scadere nella volgarità…). La Renault Twingo ribatte: “È vero 500, sei l’unica. A non avere 5 porte”. Da manuale anche la risposta della Mini alla 500: “Credevamo fossi quella simpatica” (tradotto: non sei bella, né fai ridere).

Al gioco hanno preso parte anche la Toyota con la Aygo, che rivolgendosi alle altre Case concorrenti ha detto: “Non prendiamoci troppo sul serio, pensate a divertirvi”, e la Peugeot con la 108: “Noi non abbiamo nulla da farci perdonare. 3 o 5 porte, a voi la scelta”. E chissà che nelle prossime ore non si facciano avanti anche altre rivali…