Valentino Rossi: “Misano speciale, farò il massimo. Conta partire bene”

Valentino Rossi
Valentino Rossi (©Getty Images)

Valentino Rossi arriva al Gran Premio di Misano molto carico. Nonostante le ridotte chance di vincere il titolo MotoGP, vuole trionfare di fronte al suo pubblico.

Sul circuito italiano la maggioranza dei tifosi lo sosterranno, nella speranza di trascinarlo al successo. I 50 punti di ritardo da Marc Marquez nella classifica generale sono tanti, ma il Dottore darà il massimo fino alla fine. L’impresa è quasi impossibile, però bisogna esprimersi al meglio e poi fare i conti.

Il pilota Yamaha è reduce da un buon terzo posto nella difficile gara di Silverstone, vinta dal suo futuro compagno di squadra Maverick Vinales. Non vincendo da cinque GP, il pesarese ha sicuramente una gran voglia di risalire sul gradino più alto del podio. Non c’è occasione migliore di questa. Anche se non sarà affatto semplice raggiungere l’obiettivo.

Valentino Rossi in conferenza da Misano

Valentino Rossi, come di consueto, è intervenuto in conferenza stampa da Misano. Queste le sue parole riprese da Gazzetta.it: “Questa gara è speciale per me e per i piloti di questa zona. C’è una bella atmosfera e tanto divertimento. Vediamo che succede, certo è molto diversa da Silverstone, ma anche il meteo finalmente sembra sarà stabile, ed è positivo in vista del lavoro per capire le mescole, specie l’anteriore. Farò il massimo, finalmente vengo da due podi di fila, conterà partire bene fin da venerdì per prendere la strada giusta nell’assetto, l’anno scorso non ci sono riuscito”.

Il centauro di Tavullia è moto determinato a fare bene a Misano e ovviamente punta a vincere. Un modo per onorare anche il suo storico amico Marco Simoncelli, morto nel 2011 e a cui è stato intitolato il circuito. Valentino Rossi ha così commentato il ritiro del numero 58: “È bellissimo quello che Paolo (il papà di Marco; n.d.r.) ha fatto, creare una Fondazione in nome di Marco che ora sta facendo nascere un’ospedale. Se mi piacerebbe il ritiro del 46? La prima impressione è che vorrei che il 46 restasse libero per qualche altro pilota, spero però che la cosa non mi riguardi per un po’ di tempo”.