MotoGP, Davide Brivio: “Vinales come Valentino: efficace al massimo”

Davide Brivio
Davide Brivio (©Getty Images)

Maverick Vinales come Valentino Rossi? Secondo Davide Brivio, che in fatto di moto e piloti la sa certamente lunga, il paragone non è affatto campato in aria, anzi…

 

Dopo il Gran Premio di Gran Bretagna andato in scena domenica scorsa, con lo strepitoso successo dell’enfant prodige della Suzuki (dal prossimo anno in Yamaha proprio con il Campione di Tavullia), l’alta dirigenza della Casa di Hamamatsu ha fatto giustamente i salti di gioia. L’ottimo Vinales ha infatti trionfato sul circuito di Silverstone alla guida della sua Suzuki, imponendosi su Cal Crutchlow e sul “nostro” Valentino Rossi, felici per il loro podio ma anche per la vittoria del loro giovanissimo collega, che dal prossimo anno cambierà casacca per una nuova avventura. Ne sentiremo sicuramente ancora parlare.

In casa Suzuki, come detto, nonostante presto si dovrà dire addio a Maverick, tutti sono felicissimi della vittoria e dei risultati raggiunti finora: “Il nostro progetto è nato da zero e quel che mi riempie più di soddisfazione è che dentro ci sono tante mie idee, cose proposte ai giapponesi che loro hanno accettato – ha dichiarato Davide Brivio in un’intervista ai colleghi della Gazzetta dello Sport – . Come l’aver puntato su Maverick, reduce da una sola stagione in Moto2 e che non tutti reputavano pronto al grande salto. Invece, lo ha confermato domenica, è un grandissimo talento che i prossimi dieci anni lotterà per il Mondiale con Marquez, per una sfida che va avanti da quando erano piccoli. Peccato solo che non sarà con la nostra moto”.

Vinales, ha aggiunto il team principal della Casa di Hamamatsu, “è un ragazzo molto timido, non parla tanto se non il giusto, l’essenziale. Gli piace scherzare, sì, ma in modo riservato. A livello tecnico, invece, è molto intelligente, capisce subito che cosa serve, nonostante sia così giovane ha già una grandissima sensibilità”. “In questo – ha concluso – è simile a Valentino, efficace al massimo”.