“Mago Mancini”: la scoperta di Valentino Rossi & Co. diventa un film

Valentino Rossi (© Getty Images)
Valentino Rossi (© Getty Images)

 

I primi passi – pardon, i primi giri – di Valentino Rossi, Loris Capirossi, Andrea Dovizioso, Franco Morbidelli e Romano Fenati saranno protagonisti della quarta edizione del Motorcycle Film Festival in programma a New York dal 14 al 17 settembre prossimi.

I fuoriclasse nostrani delle due ruote (e non solo), alle prese con le prime gare negli anni che vanno dall’87 al 2009, saranno protagonisti del film documentario che racconta la storia del tecnico che li ha accompagnati agli esordi: il pesarese Guido Mancini. La pellicola s’intitola non a caso “Il Mago Mancini” ed è stata diretta da Jeffrey Zani per raccontare i primi chilometri consumati in pista dai cinque campioni di razza come loro, spesso con moto costruite artigianalmente come la TM-Mancini, guidata da Capirossi, e la Sandroni, affidata a Rossi.

Nei 60 minuti della pellicola si alternano l’intimità dei momenti ripresi nell’officina di Mancini e la voce dei piloti (o ex piloti) oggi: tutti hanno accettato l’invito a tornare faccia-a-faccia con il loro vecchio “mister” dopo anni di silenzio e distanze, anche se – spiega in una nota la Casa di produzione – con approcci diversi. “Capirossi è entusiasta e riconoscente; Rossi sorridente e puntuale; Dovizioso riservato e riflessivo; Morbidelli commosso e nostalgico; Fenati meno concentrato sul passato e proiettato, come comprensibile per il più giovane del gruppo, verso il futuro”. Il documentario metto però in rilievo soprattutto la figura di Mancini, “capace di calamitare le migliori ‘promesse’ della Penisola con la generosità, la competenza e la passione che hanno fatto da costante in tutta la sua carriera. Se i più grandi talenti del motociclismo italiano sono passati per la sua officina non è un caso. E il film mostra perché”.

Il film sarà proiettato in anteprima assoluta a New York e rappresenta l’unica pellicola italiana in concorso nella sezione “documentari”: per Jeffrey Zani, che aveva già partecipato all’edizione 2015 del Motorcycle Film Festival con “Morbidelli – storie di uomini e di moto veloci”, questo è il terzo film. Al momento non sono stati stretti accordi di distribuzione per la diffusione in Italia. Ma possiamo pregustare un piccolo “assaggio” con il trailer diffuso su Youtube…