Valentino Rossi: “Iannone e Vinales mi hanno impressionato”

Valentino Rossi
Valentino Rossi (©Getty Images)

Valentino Rossi ha chiuso il venerdì di prove libere a Silverstone al sesto posto, restando fortemente impressionato dalle prestazioni di Andrea Iannone e dal suo futuro compagno di team Maverick Vinales: “Sono entrambi in ottima forma”.

Il Dottore ha accusato qualche difficoltà nella prima giornata di prove del Gp di Silverstone, vedendosi costretto ad inseguire non solo i suoi diretti avversari, ma anche i giovani Iannone e Vinales che hanno guidato la classifica dei tempi. Troppo presto per azzardare pronostici, ma i due piloti gara dopo gara stanno dimostrando di essere in forte crescita e poter dettare il ritmo nella classe regina.

“Dopo venerdì è ancora difficile emettere un giudizio finale. E’ troppo presto… Ma nelle FP2 i piloti Iannone e Viñales mi hanno molto impressionato – ha confessato Valentino Rossi -. Perché hanno ottenuto con le gomme dure tempi molto veloci, molto più veloci di me. E anche con le gomme morbide hanno un grande vantaggio. Credo che entrambi i piloti sono in ottima forma. Questo può infatti essere constatato se si guardano le classifiche dei loro compagni di squadra. Aleix Espargaró è ottavo, settimo Dovizioso. Le differenze di tempo sono enormi. Iannone e Viñales dimostrano di guidare molto bene”.

Nuova sfida al vertice e incognita gomme

La sfida al vertice potrebbe complicarsi e rimescolare le carte in tavola. Non si dovrà fare i conti solo con Jorge Lorenzo e Marc Marquez e la testa della gara potrebbe vedere coinvolti almeno cinque o sei piloti: “Sembra che Jorge e io con la Yamaha qui abbiamo qualche problema. Ma noi non siamo molto indietro”, ha aggiunto il campione di Tavullia. “Abbiamo bisogno di migliorare l’equilibrio e cercare di ridurre il gap con i top rider”.

L’incognita per le qualifiche e la gara verte sulla gomma posteriore morbida o dura, un continuum che si ripercuote da inizio Mondiale e che spesso ha deciso le sorti delle gare: “Con la gomma posteriore dura si può guidare più giri, non si consuma così rapidamente. Ma il grip non è proprio fantastico. Con la gomma posteriore morbida si ha un buon grip, ma solo per pochi giri. Ma dopo due o tre giri, e anche in televisione si può vedere, tutti i pneumatici sono danneggiati – ha sottolineato Valentino Rossi -. È difficile”. Ma la pioggia potrebbe cambiare gli scenari in maniera rivoluzionaria…