Fiat Punto addio dopo 23 anni, 500 Plus sarà l’erede?

Fiat Punto
Fiat Punto (©Getty Images)

Dopo 23 anni di onorata carriere la Fiat Punto si appresta ad andare in pensione. A confermare l’indiscrezione la notizia secondo cui i 1.100 operai impiegati nello stabilimento di Melfi nella linea  produttiva della berlina saranno messi in cassa integrazione. I sindacati sono sul piede di guerra.

Da tempo circola voce che la Fiat Punto dovrebbe scomparire dalla produzione Fca e si è ipotizzato l’arrivo di una nuova berlinetta a cinque porte denominata 500 Plus che potrebbe essere fabbricata in Polonia. Notizie che mancano di ufficialità e che evidenzierebbero le titubanze di Sergio Marchionne circa questa direttiva. In 23 anni la Punto ha venduto oltre nove milioni di esemplari rivelandosi il modello di maggior successo di tutta la storia Fiat, ma negli ultimi anni ha subito un calo delle vendite che farebbe propendere verso l’introduzione di un nuovo modello.

Secondo quanto riportato da Liberoquotidiano.it il gruppo Fca starebbe pensando alla 500 Plus per irrompere sul mercato automobilistico, costruita su piattaforma Small Wide, come la 500x e la Jeep Renegade, con dimensioni intermedie tra la classica 500 e la 500L. Al 30 giugno l’azienda lucana aveva realizzato 195.000 veicoli, di cui l’ 82% Jeep Renegade e Fiat 500x e il 18% Punto. “È chiaro che siamo di fronte a un primo segnale che ci porterà alla fase finale della Punto“, ha dichiarato Ferdinando Uliano della Fim Cisl. Ma ancora non è stato annunciato dai vertici Fiat quale sarà il prossimo asso nella manica, che dovrebbe propendere quasi certamente verso un segmento B semi-premium capace di garantire un mercato più vasto.

Mesi fa sul web erano state mostrate alcune foto spia provenienti dal Sud America, che mostravano quella che da molti veniva considerata come la presunta nuova generazione della Fiat Punto, ma la notizia sembra essere scivolata nel dimenticatoio. Adesso non resta che attendere le prossime mosse ufficiali della Casa del Lingotto.