Valentino Rossi: “Non ho dimenticato l’anno scorso”

Valentino Rossi
Valentino Rossi (©Getty Images)

Alla vigilia del Gran Premio di Silverstone Valentino Rossi si racconta in un’intervista a Motogp.com e confessa di non aver dimenticato quanto successo nella scorsa stagione. Dopo diversi errori stagionali e alcuni episodi sfortunati (vedi il GP del Mugello) il titolo iridato sembra un obiettivo difficile ma non impossibile e il ricordo del 2015 non agevola la rincorsa iridata.

Fino a quando l’aritmetica non gli darà torto nulla è impossibile. Da qui a Valencia mancano sette gare e Marc Marquez dista 53 punti, un gap incolmabile se lo spagnolo della Honda non commetterà passi falsi. Ma impossibile dimenticare gli avvenimenti della scorsa stagione, l’atteggiamento del Cabroncito a Sepang, la conseguente penalizzazione che ha regalato il titolo mondiale a Jorge Lorenzo. Una pagina di storia del motociclismo indelebile, un ricordo personale che il Dottore si porterà dietro per tutta la vita.

Le confessioni del Dottore

In un’intervista a Motogp.com il campione di Tavullia confessa il suo stato d’animo attuale dopo aver perso il decimo sigillo iridato all’ultima gara e in maniera quasi beffarda: “L’anno scorso sono stato molto vicino, ma si è concluso con una sensazione molto brutta perché credo che il finale di stagione non sia giusto. Le prime due o tre settimane sono state molto dure, ma dopo il Rally di Monza ho cercato di passarci su, ho fatto finto di dimenticare, ma in realtà non ho dimenticato, almeno si tenta”, ha dichiarato Valentino Rossi.

Uno sforzo immane sia fisico che psicologico che si è inevitabilmente ripercosso anche su questa stagione: “La pressione e l’energia con cui si è concluso lo scorso anno hanno rappresentato uno sforzo estremo, abbiamo raggiunto l’ultima gara con il coltello alla gola, in queste situazioni se si vince si recupera un po’ di energia, ma se si perde non è così – ha concluso il pilota della Yamaha -, in qualche modo sto ancora pagando l’anno scorso”.