Max Verstappen: “Non cambio il mio stile di guida”

Max Verstappen
Max Verstappen (©Getty Images)

Alla  vigilia del GP d’Italia di Formula 1, nella tradizionale conferenza stampa del giovedì, il discorso che tiene banco è l’atteggiamento di Max Verstappen dopo la gara di Spa in cui si è reso protagonista di alcune manovre al limite del regolamento.

Dopo le accuse di Kimi Raikkonen il pilota olandese della Red Bull non fa dietrofront e non sembra disposto a voler modificare il proprio stile di guida: “Quello che è successo l’hanno visto. Ma ora voglio guardare avanti e fare la mia gara. E questo significa che competerò con lo stesso stile di guida come prima… Non c’è stati alcun intervento da parte dei giudici di gara, contro nessuno di noi – ha sottolineato Max Verstappen -, quindi non vedo motivo di cambiare qualcosa nel mio stile di guida. Non voglio cambiare il mio stile solo perché gli altri piloti hanno fatto lamentele. Perché se si fossero trovati nella mia stessa situazione avrebbero ingaggiato una lotta simile”.

La replica dei piloti Ferrari

Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen lamentano il mancato intervento dei giudici di gara contro l’atteggiamento del pilota Red Bull: “Non ho parlato dopo il GP del Belgio con lui. Ma il suo stile di guida è stato un problema, in realtà pensavo che avrebbe capito – ha detto il tedesco della Ferrari -. A quanto pare no. E’ sempre sullo stesso tenore”.

Kimi Raikkonen commenta con la sua solita freddezza quanto accaduto in Belgio, visto che ha avuto il discusso contatto con Verstappen: “Le regole sono chiare – ha detto – ma a volte c’è l’impressione che non si rispettino in pista. Il problema è che cambiano le valutazioni dei commissari, non c’è uniformità. Io non ho niente contro Max, è veloce, solo che alcune cose che ha fatto, secondo me, non erano corrette, non si può rallentare e cambiare traiettorie in velocità. In ogni caso queste cose fanno sempre discutere”.