Dovizioso dolorante al ginocchio: “La caduta non ci voleva”

Andrea Dovizioso
Andrea Dovizioso (©Getty Images)

Dopo il doppio podio in Austria e il mezzo passo falso a Brno il Ducati Team vuole continuare a stupire. Nel week-end Andrea Iannone e Andrea Dovizioso saranno impegnati a Silverstone per la 12esima tappa stagionale, con l’obiettivo di conquistare un altro podio o, magari, un’altra vittoria che potrebbe essere agevolata in caso di pioggia,

Il pilota forlivese è salito sul podio inglese per tre volte nella sua carriera (2010, 2011 e 2015), mentre Andrea Iannone ha ottenuto il suo miglior risultato a Silverstone in Moto2, con il quarto posto del 2012. Martedì scorso i due piloti hanno effettuato un test a Misano in vista del GP di San Marino che si terrà a metà settembre, con Andrea Dovizioso che ha registrato una caduta alla curva 4 riportando una distorsione al ginocchio destro. Nulla di rotto, per fortuna, ma si è dovuto sottoporre a terapie affinchè possa affrontare la gara inglese nel migliore dei modi.

“La nostra Desmosedici GP è ormai diventata competitiva su ogni circuito e anche la gara di Silverstone potrebbe rivelarsi positiva per noi – ha dichiarato Andrea Iannone -. In passato ho avuto qualche difficoltà qui perché è una pista strana, molto larga, e decisamente più adatta alle Formula 1 che non alle moto. Non è il tipo di pista che preferisco, ma credo che avremo delle buone possibilità per ben figurare”.

Il Dovi acciaccato dopo il test di Misano

Dovizioso è felice di poter approdare a Silverstone, ma quasi certamente non sarà al 100% della forma fisica e dovrà stringere i denti per portare a casa il miglior risultato possibile: “Non ci voleva proprio la scivolata di Misano, ma lavorando assieme al mio fisioterapista sto facendo tutto il possibile per essere a posto a Silverstone. Ho ancora male al ginocchio destro, ma mi sto sottoponendo ad un ciclo di terapia piuttosto intenso. In ogni caso Silverstone è una delle mie piste preferite: è davvero bella anche se rimane una pista difficile. Credo che potremo essere competitivi anche qui – ha concluso il pilota romagnolo -, visto che lo scorso anno sono riuscito a salire sul podio grazie al terzo posto conquistato in gara.”