Cal Crutchlow: “Sono il migliore al mondo in condizioni miste”

Cal Crutchlow
Cal Crutchlow (©Getty Images)

Cal Crutchlow domenica ha trionfato per la prima volta in MotoGP. Sulla pista bagnata di Brno, in Repubblica Ceca, ha preceduto Valentino Rossi e Marc Marquez.

Una grande emozione per lui, anche se non paragonabile a quella vissuta poco prima con la nascita della figlia Willow. Una soddisfazione meritata visto che più volte ha buttato al vento buoni risultati a causa di sciocche cadute. L’inglese è un buonissimo pilota, però troppo incline alle scivolate. Se riuscisse a limare questo difetto, riuscirebbe a capitalizzare meglio le proprie prestazioni. Inoltre il team privato di Lucio Cecchinello sarebbe ben lieto di risparmiare sulla riparazione delle moto Honda danneggiate o distrutte. Il successo di Brno può essere una motivazione in più a migliorare in futuro.

Cal Crutchlow si esalta dopo la vittoria di Brno

Dopo la vittoria in Repubblica Ceca il pilota è ovviamente al settimo cielo. E non ha mancato di auto-esaltarsi: “Io sono il miglior pilota del mondo in condizioni miste. Si era già visto al Sachsenring, non appena la pista si è asciugata potevo vincere. Credo anche che in condizioni di bagnato sono uno dei migliori. Di solito seleziono i pneumatici in modo diverso rispetto agli altri piloti e in gara lavoro in modo diverso”.

La sua vittoria a Brno non è casuale, dunque, anche in passato ha dimostrato che in condizioni complicate era molto veloce: “L’anno scorso a Silverstone abbiamo corso sul bagnato – riporta AS – e ho scelto il pneumatico anteriore e posteriore morbido, sentivo che potevo stare davanti (prima di subire una caduta). Quindi penso che forse io sono il migliore quando c’è umido”.

Domenica non ha dovuto neppure fare i conti con Jack Miller, un altro che sul bagnato va bene e lo ha dimostrato vincendo ad Assen. Cal Crutchlow in merito ha detto: “Avrei dovuto lavorare domenica se ci fosse stato lui. Prima della gara ha detto che avrebbe montato dura davanti e dietro (come fatto dall’inglese, ndr). Sarebbe stata una dura battaglia con Jack. Però dobbiamo cogliere le opportunità quando si presentano e avere fiducia”.