Jorge Lorenzo: “Sfortunato e deluso, potevo arrivare terzo”

Jorge Lorenzo
Jorge Lorenzo (©Getty Images)

Jorge Lorenzo è senza dubbio il grande sconfitto del Gran Premio della Repubblica Ceca. Niente punti per il campione del mondo in carica MotoGP. E adesso Valentino Rossi gli è davanti in classifica, con Marc Marquez adesso a 59 punti.

Sul bagnato il maiorchino fatica sempre molto, quest’anno lo abbiamo visto più volte. Oggi ha scelto le stesse gomme del compagno, però non ha ottenuto un risultato simile. A danneggiarlo è stato anche un cambio moto a cui è stato costretto a causa del cedimento del pneumatico morbido anteriore. In quel momento era in zona punti (era 11°) e poteva recuperare qualche posizione. Adesso la sua situazione è complicata, sia in ottica Mondiale che psicologicamente.

 

Jorge Lorenzo commenta la gara di Brno

Jorge Lorenzo si è concesso ai microfoni di Sky Sport al termine della corsa. Queste le sue parole: “Sono stato sfortunato, potevo fare terzo sicuramente e forse secondo oggi. Prima di rompere il pneumatico davanti il ritmo era il più veloce in pista. All’inizio era difficile perché il pneumatico duro dietro non ci dava buon feeling. Solo io, Crutchlow e Rossi l’abbiamo scelto. Alla fine era la scelta migliore. La pista non si asciugava abbastanza per andare con le slick. E’ stata una delusione grande quando ho visto che non potevo continuare con la gomma anteriore distrutta. E’ andata come a Dovizioso e Iannone, ho dovuto fermarmi”.

Il maiorchino ha spiegato cosa è avvenuto al box, visto che si è fermato ben due volte: “La seconda moto aveva le slick e non c’erano le condizioni per quelle coperture. Mi hanno detto di continuare per finire la gara arrivando 14° o 15° e prendere qualche punto. Sono partito con quella moto, sperando che preparassero intanto l’altra con cui finire la gara. Delusione molto grande, però alla fine la sfortuna si ripartisce tra i piloti in questi anni. Oggi è toccato a noi”.

Infine Jorge Lorenzo ha proseguito parlando ancora delle Michelin: “La situazione è strana, il pneumatico è molto molto morbido. Sembra una gomma da masticare. Però quando la vedi alla fine sembra nuova. E’ strana. Oggi da metà gara alla fine con la pista più asciutta il pneumatico si è surriscaldato e qualche pilota non ha potuto finire la gara”.