F1, Montezemolo smentisce: “Non parlo di Schumacher da mesi”

Michael Schumacher
Michael Schumacher (©Getty Images)

“Non parlo di Schumacher da mesi”. Le dichiarazioni attribuite ieri a Luca Cordero di Montezemolo sul miglioramento delle condizioni di salute di Michael Schumacher sono state prontamente smentite dall’ex presidente della Ferrari.

Montezemolo ha negato ai colleghi dell’Ansa, tramite un suo portavoce, di aver rilasciato ad Ecumenical News quella dichiarazione in cui parlava di una reazione da parte di Michael che ieri aveva fatto il giro del mondo, portando una ventata di speranza e ottimismo tra i fan dell’indimenticato campione di Formula 1.

Tutti ci hanno creduto, o forse ci hanno voluto credere. Ma dall’ex presidente del Cavallino Rampante è arrivata una secca smentita riguardo alle sue dichiarazioni che ieri avevano parlato di un miglioramento delle condizioni del fuoriclasse tedesco. Nella mattinata di martedì aveva preso piede la notizia diffusa da Ecumenical News e ripresa dal Daily Telegraph secondo cui il 7 volte campione del mondo, vittima di un terribile incidente sugli sci nel dicembre del 2013, per via del quale è stato in coma per sei mesi, stava iniziando a reagire. E questo dopo che nelle scorse settimane si erano rincorse false voci sul fatto che il tedesco avesse addirittura ripreso a camminare.

Come detto, però, poco più tardi un portavoce dell’ex presidente del Cavallino ha smentito il tutto alla nota agenzia di stampa, parlando di una notizia del tutto infondata e aggiungendo: “Il presidente Montezemolo non ha mai rilasciato tali dichiarazioni e non parla delle condizioni di salute di Schumacher da svariati mesi”.

Come detto, tutti forse avevano voluto credere a quelle parole, ma il fatto che con il passare delle ore non arrivasse una conferma o una smentita da parte della storica portavoce Sabine Kehm aveva già lasciato intendere che forse ci si trovava di fronte alle ennesime speculazioni infondate sulle condizioni di salute di Schumi, che continuano a rimanere avvolte nella massima segretezza.