Sebastian Vettel: “Pronti diversi miglioramenti sulla Ferrari”

Sebastian Vettel
Sebastian Vettel (©Getty Images)

Il campionato di Formula1 2016 è in pausa, ma Sebastian Vettel e tutti in Ferrari stanno lavorando. C’è del gap da recuperare sulla dominante Mercedes, ma anche su una Red Bull tornata molto competitiva.

Le ultime gare del team di Maranello hanno un po’ deluso dal punto di vista dei risultati. Per una scuderia che puntava a lottare per il titolo mondiale, quest’anno si sta rivelando un grosso flop. C’è ancora tempo per poter almeno in parte raddrizzare la stagione. Il secondo posto nella classifica costruttori è l’obiettivo da qui alla fine. Per quanto riguarda la graduatoria piloti, c’è Daniel Riccardo terzo, rispettivamente con 11 e 13 punti di vantaggio su Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel. Dunque i giochi sono ancora aperti.

 

Sebastian Vettel ottimista per il futuro

Nonostante una situazione complicata, si respirano ottimismo e fiducia all’interno del box Ferrari. Sebastian Vettel nella sua ultima intervista ad Autosport si è così espresso: “Le ultime gare non sono state positive, però sono state utili e abbiamo compreso molto sulle mancanze della SF16-H e su come intervenire. Si tratta di difetti che non erano del tutto evidenti all’inizio della stagione. È duro scoprire di non essere competitivi come volevamo, ma sappiamo cosa fare. Non è certo qualcosa che si può cambiare in una notte, ma abbiamo un piano di azione e nella seconda parte del campionato saremo più forti. Certo dipenderà anche da cosa faranno gli avversari, ma per ora ci concentriamo sul lavoro da fare in casa nostra”.

Il pilota tedesco spiega che il team sa dove intervenire per migliorare la propria monoposto. Adesso bisognerà vedere quanto ci metteranno i tecnici a sistemare i dettagli che stanno impedendo ai piloti di ottenere i risultati sperati. Tutta la squadra spera di poter raggiungere la vittoria entro la fine del 2016. Quest’anno non ci sono stati ancora successi, mentre nel 2015 erano stati tre.

Sebastian Vettel ammette che un occhio rivolto al 2017 c’è, ma anche il presente conta molto: “Certo siamo già impegnati sulla vettura del prossimo anno, i cambiamenti alle monoposto e al regolamento sono molto consistenti, è un progetto completamente differente. Però abbiamo diversi miglioramenti in programma perché i GP in arrivo saranno molto importanti per imparare e conoscere dettagli da utilizzare l’anno prossimo”.