Valentino Rossi: “Fenati non tornerà a correre con noi”

Romano Fenati
Romano Fenati (©Getty Images)

Da astro nascente a grande delusione. Questa la parabola compiuta da Romano Fenati a detta di quello che era – o avrebbe dovuto essere – il suo mentore o modello ispiratore, ovvero Valentino Rossi.

All’indomani dell’ufficializzazione del “divorzio” tra il Team Sky e il pilota marchigiano della Moto3, il Dottore non nasconde la propria amarezza nel chiarire le motivazioni dell’esclusione di Fenati dal GP di Spielberg. Esclusione che, lo ricordiamo, ha sorpreso un po’ tutti, dato che il giovane talento del Team Sky VR46 è stato allontano per “ragioni comportamentali”.

È Valentino Rossi in persona a confermare l’addio di Fenati: “è un grande peccato, non siamo felici per quello che è successo – ha detto nelle scorse ore, come riporta Motorsport – . Mi piacerebbe trovare le parole giuste, la considero una sconfitta, una battaglia perduta. Romano ha un grande talento e volevamo scommettere su di lui anche in futuro, ma abbiamo dovuto arrenderci”. Tanta delusione nelle parole del Pesarese, convinto di aver perso un ragazzo di talento, ma condizionato dal suo carattere fumantino: “Non credo che possa tornare a correre con noi a Brno. Non è stata una scelta presa a cuor leggero e non penso che possiamo cambiarla. Speravamo di riuscire dove altri avevano fallito: volevamo tirare fuori il talento di Romano e farlo diventare un professionista. È andata diversamente”.

Alla base della rottura definitiva ci sarebbe stata una furibonda lite con Uccio Salucci: “Delle volte Romano dà in escandescenze, il problema è che è una situazione che si ripete regolarmente ogni 3 o 4 Gran Premi. È come tornare sempre al punto di partenza, non cambia mai nulla”, ha spiegato Rossi. La madre di Fenati non sembra però aver creduto a questa versione dei fatti: “Romano non ha fatto nulla di cui vergognarsi – ha detto – . Non ha sbagliato. Questo è certo. Un uomo d’altri tempi che onora sempre la parola data! Vero e sincero fino in fondo!”. A questo punto non resta che attendere la controreplica di Fenati…