La truffa dei carburanti, GdF ispeziona migliaia di distributori

Foto dal web
Foto dal web

Dal 1° luglio la Guardia di Finanza ha ispezionato migliaia di distributori di carburante per prevenire truffe ai consumatori. Nel corso dei controlli sono stati sequestrati 112mila litri di prodotti petroliferi, soprattutto per casi di frode emersi dal riscontro tra il quantitativo di carburante erogato e l’importo pagato dagli ignari automobilisti.

Una truffa che era da tempo nell’aria, ma senza prove poteva sembrare una leggenda metropolitana. Adesso le Fiamme Gialle hanno portato le prove e sequestrato 13 milioni di prodotti contraffatti e insicuri, scoperto 560 venditori abusivi e individuato oltre 3mila esercenti che, pur essendo in possesso di licenze e autorizzazioni, hanno omesso di comunicare l’inizio dell’attività risultando così, in molti casi, evasori totali e quindi micro-imprese completamente sconosciute al Fisco.

 

In Italia prezzi dei carburanti alle stelle

Ma per gli automobilisti italiani la strada è sempre più in salita e ricca di insidie. Infatti il Bel Paese si conferma il paese dell’Ue con il prezzo dei carburanti che continua a restare tra i più alti, nonostante la sensibile riduzione del costo del petrolio: +11,9% rispetto alla media europea, +10,4% rispetto alla Germania, +12,6% rispetto alla Francia e addirittura +30,4% rispetto all’Austria.

A pesare sul costo dei carburanti le tasse e le accise, che pesano infatti per il 68,8% sul prezzo finale praticato al consumatore. L’analisi del Centro studi Impresa Lavoro, su elaborazione dei dati della Commissione Europea, evidenzia che l’Italia si colloca al terzo posto di questa speciale classifica, alle spalle di Olanda (70,9%) e Svezia (68,9%). In tutta Europa l’incidenza delle tasse sul prezzo finale non scende mai sotto il 53,07% della Bulgaria.

Il costo del diesel in Italia è di 1,289 euro al litro e anche in questo caso si tratta del terzo prezzo più caro in Europa – dopo quello praticato nel Regno Unito (1,3299 euro al litro) e in Svezia (1,2896 euro al litro) – a fronte di un prezzo medio europeo di 1,1203 euro al litro. I Paesi dove conviene fare benzina sono la Lettonia (0,9627 euro al litro), la Lituania (0,9625 euro al litro), la Polonia (0,9427 euro al litro) e soprattutto il Lussemburgo (0,9120 euro al litro).