Sequestra la Lamborghini e la usa per una corsa: poliziotto nei guai (VIDEO)

La Lamborghini Huracan "incriminata" (foto Daily Mail)
La Lamborghini Huracan “incriminata” (foto Daily Mail)

Prima sequestra la supercar in veste di poliziotto, poi usa il gioiellino per una corsa a tutta velocità, infrangendo platealmente il limite di velocità. E’ la bravata di cui si è reso protagonista un agente inglese, ora pesantemente sanzionato, al volante di una Lamborghini.

C’è da dire che l’errore è a monte visto che il gioiellino da circa 235.000 in questione non avrebbe mai dovuto essere posto sotto sequestro. Ma tant’è: l’agente incriminato ha prelevato la Lamborghini da una società di noleggio di auto di lusso, salvo poi usarla per divertirsi spingendo sull’acceleratore, facendola schizzare a oltre 100 km/h lungo una strada in cui il limite era di 50: esattamente la metà. Oltre ad aver rimediato una figura barbina, il poliziotto si è visto togliere diversi punti dalla patente.

L’auto era stata sequestrata all’inizio dello scorso giugno nei pressi dell’aeroporto londinese di Heathrow perché, a detta degli agenti, non era in regola con l’assicurazione. Il titolare della società di noleggio, Erwyn Mackee, ha subito contestato il provvedimento, dichiarando di non aver commesso alcun illecito, ma senza esito… Oltre al danno, però, si è poi aggiunta la beffa: trascorso qualche giorno, infatti, la sua Lamborghini Huracan bianca gli è stata restituita, in quanto dai successivi controlli tutto era risultato in regola, ma il rilevatore di velocità aveva anche registrato la corsa a tutta birra.

La Met Police ha ora fatto sapere che, a seguito di un’indagine interna, uno dei due agenti è stato sanzionato con la decurtazione di tre punti dalla patente, mentre per l’altro è stato adottata una non meglio precisata azione disciplinare. Quanto al proprietario dell’agenzia, gli verranno rimborsate le 150 sterline (poco meno di 70 euro) di tasse sul dissequestro. “Sono soddisfatto”, avrebbe detto al termine di un colloquio con i responsabili del commissariato. Poteva anche andare peggio…