F1, Fernando Alonso: “Non ho sbagliato a lasciare la Ferrari”

Fernando Alonso
Fernando Alonso (©Getty Images)

Tornasse indietro, rifarebbe la stessa identica scelta: via dalla Ferrari per approdare alla McLaren, in cerca di nuovi stimoli e migliori opportunità. Così assicura Fernando Alonso, che in questi giorni di pausa dal Campionato mondiale di Formual 1 è tornato a parlare delle ragioni del suo addio alla Rossa di Maranello.

Lo spagnolo non ha dubbi: “Avevo ragione, sentivo di fare la cosa giusta e grazie al cielo non ho sbagliato ad andarmene in quel momento”, dice a proposito del sul suo addio alla Ferrari. E con l’occasione ammette di non essere certo contento di vedere ancora la scuderia delle rosse in difficoltà. “Nel 2014, quando ho fatto la mia scelta, avevo ancora due anni di contratto, ma sentivo che avevo ragione di andarmene – spiega Alonso ai colleghi di Crash.net – . Non era una questione di risultati, lì ho trascorso dei momenti fantastici e ho voluto andarmene quando ancora sentivo buone sensazioni. Ogni anno che passava aumentava lo stress, perché mancavano le vittorie e sembrava fosse colpa mia”.

“Non è un sollievo per me sapere che ancora non vincono o che hanno altri problemi – aggiunge il pilota – , perché la Ferrari resterà sempre nel mio cuore. Però se voglio essere competitivo o puntare a vincere un altro titolo mondiale serve guidare una Mercedes o una McLaren Honda”.

A chi gli chiede se la Ferrari possa riuscire a centrare il secondo posto in campionato, però, Alonso risponde in modo a dir poco evasivo: “E’ un problema che riguarda loro”, dice. Infine, riguardo al suo eventuale prolungamento di contratto alla McLaren (i tre anni scadono nel 2017), lo spagnolo dice di non aver ancora fatto progetti: “Vedremo, non ho una sfera di cristallo, ma sono felice qui”. “La cosa più importante adesso – conclude –  è pensare alla macchina per il prossimo anno: le emozioni che mi darà la guida, studiare il consumo delle gomme e del carburante. In base a questo deciderò”.