Moto2: Marini e Baldassarri in galleria del vento

photo Facebook
photo Facebook
Luca Marini e Lorenzo Baldassarri hanno trascorso una giornata nella galleria del vento “Raffaele Balli” del Dipartimento di Ingegneria dell’Università degli Studi di Perugia. I test, coordinati dal Prof. Francesco Castellani, hanno focalizzato l’attenzione sul miglioramento della posizione di guida dei due membri della Riders VR46 Academy, al fine di ridurre al minimo il “drag” e migliorare la velocità di punta in rettilineo.

I due giovani piloti della Moto2, allievi di Valentino Rossi al Ranch, hanno dimostrato che la loro Kalex 2016 è capace di grandi cose, seppur necessiti di continui miglioramenti per tenere testa al lavoro degli avversari. Stavolta il team Forward Racing ha deciso di testare non sull’asfalto, ma in galleria del vento, dove sono stati sottoposti ad un flusso d’aria che viaggiava ad una velocità di 160 chilometri all’ora.

Una prova speciale e inedita non solo per migliorare la posizione in sella alla Kalex, ma anche per aumentare il picco massimo di velocità riducendo al minimo l’attrito con l’aria: “E’ la prima volta che mi trovo coinvolto in una simile prova – ha spiegato Lorenzo Baldassarri -, di solito, quando ricevo una Moto2, lo faccio in pista, ma questa volta non è stato così! Oggi abbiamo ottenuto informazioni utili per migliorare la mia posizione in moto soprattutto sul rettilineo. Non vedo l’ora di andare in Austria per mettere in pratica ciò che abbiamo scoperto”.

Una prova che arriva in un momento importante della stagione, a meno di due settimane dalla ripresa del Motomondiale, a dimostrazione che anche durante le vacanze si lavora per migliorare. “Abbiamo trascorso questa giornata in galleria del vento ed è stato molto utile – ha detto Luca Marini -, ora dobbiamo studiare i dati comunicati dai tecnici dell’Università degli Studi di Perugia, ma sono abbastanza sicuro che possiamo migliorare ancora di più le prestazioni, aggiustando alcuni piccoli dettagli soprattutto nelle piste con lunghi rettilinei. Presto andremo in Austria, ci darà un feedback subito, anche se si tratta di una nuova pista”.