Sebastian Vettel: “Non pensavo che avrei vinto subito in Ferrari”

Sebastian Vettel
Sebastian Vettel (©Getty Images)

Sebastian Vettel sognava l’approdo in Ferrari fin da piccolo e nel 2015 ha realizzato quel sogno. Però da pilota vincente quale è, non si accontenta di questo. Vuole vincere. Ha già conquistato quattro titoli consecutivi in Red Bull e intende aumentare il bottino.

Per quest’anno c’era l’aspettativa che la scuderia di Maranello potesse lottare con la Mercedes. Magari non essere alla pari o superarla, ma almeno avvicinarsi e poter competere con essa. Invece il divario è ancora consistente. In Qualifica è decisamente netto e lo è spesso anche in gara. Ovviamente ci sono delle piste in cui il gap può assottigliarsi, però in generale è evidente che il team anglo-tedesco è più forte. Non è una questione di piloti, ma di team e di monoposto. A Backley hanno lavorato meglio per dare a Lewis Hamilton e Nico Rosberg un mezzo vincente.

Sebastian Vettel fiducioso sul futuro

In un’intervista riportata dal quotidiano Marca il tedesco ha ribadito di credere nella Ferrari: “In generale, essere paziente non dovrebbe essere una caratteristica di un pilota, perché contraddice i suoi principi. Ma alcune cose necessitano di più o meno tempo. Quando sono passato in Ferrari non pensavo che tutto sarebbe funzionato subito. La squadra è disposta a costruire di nuovo. Per questo ci serve tempo, fino a quando il successo arriverà”. Seb non si attendeva di vincere immediatamente, anche perché la scuderia veniva da un anno difficile e manca il titolo piloti dal 2007.

Domenica si corre sulla pista tedesca di Hockenheim e in generale Sebastian Vettel spera di portare in Germania di nuovo il boom Ferrari come ha fatto Michael Schumacher Schumacher: “Sarebbe molto bello e penso che si potrebbe fare. Correre qui per la prima volta a bordo di una Ferrari è qualcosa di molto speciale per me. Hockenheim non è lontano da Heppenheim (sua città natale, ndr), è a solo mezz’ora. Quindi ci saranno tutta la mia famiglia e gli amici”.

Una gara davvero speciale per il quattro volte campione del mondo. Il suo obiettivo minimo è battere le Red Bull e salire sul podio. La Ferrari deve difendere il secondo posto nella classifica costruttori e il pilota deve cercare di prendersi il terzo. Ci sarà battaglia in pista.