Palla di ghiaccio cade dal cielo, distrutto un parabrezza

photo dal web
photo dal web

Un blocco di ghiaccio piovuto dal cielo ha sfondato il parabrezza di un’auto a Monteverde, vicino all’ospedale San Camillo di Roma. La Procura capitolina ha ipotizzato il reato di danneggiamento, ma accertare le responsabilità non è semplice.

Inizialmente chi aveva sentito il rumore aveva ipotizzato lo scoppio di una bomba, invece si trattava di una palla di ghiaccio da 20 kg probabilmente staccatasi da un aereo di passaggio. Il parabrezza della Toyota Aygo è andato letteralmente in frantumi e ha distrutto il cruscotto, il cambio e i sedili. Attualmente prevale l’ipotesi del cosiddetto “blue ice”, cioè un blocco formatosi sulle ali di un aereo e poi caduto durante il volo. Una tesi avanzata anche dal legale del proprietario dell’auto, sebbene sia richiesto tempo per essere accertata.

A poco servirà il fascicolo aperto dalla Procura di Roma con l’ipotesi di reato di danneggiamento nei confronti di ignoti per accertare la provenienza di quel pezzo di ghiaccio. Il pm Francesco Saverio Musolino, titolare del fascicolo, ha deciso di disporre una perizia sul reperto conservato su disposizione del magistrato. Eventuali sostanze individuate nel ghiaccio potrebbero offrire elementi utili per ricostruire quanto accaduto.

Il “blue ice” è un blocco che si può formare nei serbatoi degli aerei a causa della perdita di liquidi dal loro interno. Ad alta quota i blocchi, di colore azzurrino visto il disinfettante da cui è composto, si ghiacciano per poi staccarsi in fase di atterraggio a quote più basse, quando le temperature subiscono un deciso aumento. Ma per la certezza assoluta dovremo attendere.