Wanda Nara in Rolls Royce per incontrare De Laurentiis

photo Instagram
photo Instagram

Wanda Nara si è presentata in Rolls Royce per discutere il trasferimento di Mauro Icardi dall’Inter al Napoli. La bionda argentina sembrava sul set di un film, accompagnata dal suo autista di fiducia e con il calciatore in collegamento telefonico dagli Stati Uniti per seguire passo passo la vicenda.

Nei prossimi giorni Wanda Nara e Maurito potrebbero già trasferirsi a Napoli, ammesso che il presidente Aurelio De Laurentiis riesca a convincere la dirigenza nerazzurra a suon di quattrini (50-55 milioni di euro). Per la coppia più glamour del calcio potrebbe trattarsi di un affare d’oro, con Icardi che andrebbe a guadagnare intorno ai 6 milioni a stagione, oltre ai diritti d’immagine e al lancio di una griffe personalizzata, e la signora Nara avrebbe un ruolo da protagonista nel prossimo “cinepanettone”.

Un incontro di lusso

All’incontro presso il ritiro di Dimaro il presidente del Napoli è arrivato in elicottero, in località della Val di Sole che ospita il ritiro estivo del Napoli. Wanda invece è approdata in Trentino a bordo della sua Rolls Royce regalatale dal marito due anni fa, un gioiellino da 300 mila euro che si aggiunge al fastoso box auto di Icardi, comprendente anche una Lamborghini e una Hummer color oro.

Una vita di lussi e sfizi che fanno parte di questa coppia che sa focalizzare intorno a sè non solo la cronaca sportiva ma anche i giornali di gossip. Tempo fa il centravanti argentino a Sportweek ha ammesso: ” Spendo i soldi in macchine e orologi, marche Hublot e Audemars Piguet. Ho una Lamborghini bianca a cui voglio cambiare colore facendo una cosa un po’ strana, una Rolls Royce e un Hammer color oro, a cui ora faccio cambiare tutti gli interni. Finire nelle classifiche dei bad boys non mi fa né caldo, né freddo. Ogni tanto noi calciatori sbrocchiamo per l’adrenalina. Sei arrabbiato, sei carico, perdi 3-1 e tac, te ne vai fuori di testa. Siamo modelli di comportamento, me ne rendo conto, ma siamo anche persone e ogni tanto sbagliamo”.