Superbike, Marco Melandri a un passo dalla Ducati

Marco Melandri
Marco Melandri (©Getty Images)

Marco Melandri nel 2017 tornerà a correre nel campionato Superbike. Dopo un anno sabbatico dovuta alla difficoltà nel trovare una squadra, è pronto tornare per ridare la caccia al titolo.

Ma dove correrà il quasi 34enne di Ravenna? Dopo le ipotesi Yamaha e Kawasaki, nelle ultime settimane ha preso consistenza l’opzione Ducati. Il team Aruba, confermato Chaz Davies, sostituirà Davide Giugliano. E vuole mettere in sella un altro pilota italiano. Chi meglio di Marco Melandri? Per qualità e immagine è perfetto. La squadra ha bisogno di un rider vincente per pensare di vincere quel Mondiale che manca da tanti anni.

Il portale Speedweek conferma che il ravennate approderà a Borgo Panigale. Manuel Puccetti, che ha un team Kawasaki in Supersport, puntava su di lui per il passaggio in Superbike. Ma dopo avergli comunicato che non avrebbe potuto garantirgli un trattamento da ufficiale simile a quello di Jonathan Rea e Tom Sykes, l’agente del pilota ha accelerato la trattativa con Ducati. Alberto Vergani avrebbe quindi raggiunto un’intesa contrattuale con la casa bolognese per il suo assistito, che in dote dovrebbe portale qualche sponsor anche. E l’annuncio di questo nuovo matrimonio non dovrebbe tardare ad arrivare.

Quello di Marco Melandri per la Superbike è un ritorno molto importante. Al campionato mancano personaggi che attirino l’interesse ed elevino il livello della competizione. L’arrivo di Nicky Hayden non è bastato, anche perché lo statunitense guida una Honda non abbastanza competitiva e solo il prossimo anno avrà una moto nuova con cui poter dire la sua. E l’ex campione della classe 250 è decisamente carico per tornare in pista e conquistare un titolo che finora non ha mai vinto. Lo ha sfiorato e adesso spera con la Ducati di poterlo ottenere.

Certo, battere la Kawasaki e Jonathan Rea non sarà facile. Però uno come Marco Melandri non sarà certo preoccupato da questa sfida. Anzi, è molto motivato a farcela. Ovviamente si attende il comunicato ufficiale, però il ravennate sembra aver definitivamente battuto la concorrenza di Eugene Laverty e Michael van der Mark.