MotoGP, Lin Jarvis: “Per battere Marquez servirà fortuna”

Lin Jarvis
Lin Jarvis (©Getty Images)

Yamaha non molla la presa sulle speranze del titolo iridato MotoGP, nonostante il primato di Marc Marquez in classifica. Lin Jarvis, Managing Director della Yamaha, sa che l’impresa è difficile ma non impossibile.

Jorge Lorenzo dista 48 lunghezze, Valentino Rossi 59 e alla fine del Motomondiale 2016 mancano solo nove gare. Impensabile di colmare questo gap se lo spagnolo della Repsol Honda non commetterà errori e se i due alfieri della casa di Iwata compiranno ulteriori errori. Jorge ha dimostrato di soffrire non poco sul bagnato e forse con la testa è già rivolto alla Ducati. Il Dottore ha rimediato due cadute, un colpo di sfortuna al Mugello e una strategia gomme sbagliata al Sachsenring. Errori che si pagano a caro prezzo

“Normalmente, avendo vinto cinque gare fino a questo momento, si penserebbe stare in testa al campionato, ma purtroppo nella nostra situazione non è così – spiega Lin Jarvis come riporta il ‘Corriere dello Sport’ – spero che nella seconda parte del mondiale riusciremo a ottenere altre cinque vittorie e a essere più concreti”. Non basterà commettere solo meno errori, ma anche dimostrate di essere più veloce di Marc in ogni occasione: “Non dobbiamo più sbagliare e cercare di battere Marquez in ogni occasione possibile. Per fare questo, però, servirà anche un po’ di fortuna”.

Marc Marquez in vacanza da leader

Il fenomeno di Cervera è in vacanza, ma guai ad abbassare la guardia. Meglio darci sotto con gli allenamenti visto che il terzo titolo mondiale in MotoGP è ad un soffio: “Per quanto riguarda la strategia, ho dovuto prendere un rischio, ma ho avuto successo. Ero solo al nono posto dopo essere uscito fuori pista”, ha detto Marc Marquez sull’ultima gara in Germania. “Ho scelto esattamente il momento giusto per il cambio moto. Questo mi ha dato la vittoria, tutto è andato alla perfezione”.

El Cabroncito va in vacanza da leader, consapevole che la vittoria mondiale non sarà una passeggiata: “Abbiamo lasciato la Germania da leader del campionato, ora è il momento del riposo. Passerò qualche giorno con i miei amici sulla spiaggia. Spero che voi possiate fare lo stesso – ha detto rivolgendosi ai suoi fan -. In due settimane, il lavoro continua. La seconda stagione è probabile che sia difficile, perché la sfida sarà molto serrata”.