MotoGP, Valentino Rossi: “Al Red Bull Ring sarà difficile”

Valentino Rossi
Valentino Rossi (©Getty Images)

Valentino Rossi insegue Marc Marquez in classifica con un gap du ben 59 punti, un vuoto apparentemente incolmabile quando mancano nove gare alla fine del Motomondiale 2016. Non basta essere i più veloci, come ha saputo di saper essere. Per vincere serve fortuna, pochi errori e costanza di risultati.

Nelle prime nove gare il Dottore ha collezionato due vittorie, due podi e tre ritiri che pesano come un macigno sulla classifica generale: la caduta di Austin, il problema al motore nel GP del Mugello, la scivolata sul bagnato di Assen. Al Sachsenring l’ottava piazza ha quasi il sapore di un altro ko, per quell’errore di strategia ne cambio moto e per le difficoltà riscontrare con le gomme intermedie.

Rossi ricomincia dal Red Bull Ring

Dopo i due giorni di test in Austria c’è la pausa estiva prima del prossimo appuntamento al Red Bull Ring, dove le Ducati partiranno per la prima volta da favorite, visti i tempi che hanno segnato nel corso dell’ultima prova privata, dove le Honda non hanno partecipato. Ma i lunghi rettilinei spingono il vento in poppa alla Rossa e Valentino Rossi si è dovuto accontentare del quinto crono più veloce nel day-2 in 1’24.169.

“E’ un circuito molto particolare, perché è molto, molto veloce e si passa un sacco di tempo con l’acceleratore completamente aperto. Rispetto agli altri circuiti ha un minor numero di curve… Per noi, personalmente, non è il circuito migliore perché di solito si soffre un po’ sulla velocità massima, e infatti stiamo lottando, ma è solo il primo test e abbiamo raccolto un sacco di dati e fatto alcuni chilometri”, ha spiegato Valentino Rossi.

Nella seconda giornata di test i tempi del campione di Tavullia sono migliorati grazie ad un miglior bilanciamento della moto, ma anche la pista era migliore, con più grip nelle zone in cui ne avevamo bisogno – ha aggiunto -. Siamo stati in grado di migliorare i tempi sul giro e la nostra posizione e siamo un po’ più vicino ai ragazzi migliori. Credo che correre qui sarà molto difficile, perché si tratta di un tracciato veloce, quindi di sicuro non è il miglior circuito per noi o per la YZR-M1. Dobbiamo lavorare e dare il massimo per ottenere il massimo – ha proseguito Valentino Rossi -. Sarà una gara molto difficile, soprattutto con alcuni dei nostri rivali di fabbrica, sono più veloci di noi. Sarà molto importante capire anche il potenziale degli altri concorrenti, perché alcuni non sono stati qui. Sarà interessante vedere se siamo un po’ più veloci o più lenti di loro, ma dovremo aspettare per il weekend di gara”: