F1: Nico Rosberg rinnova con la Mercedes fino al 2018

Nico Rosberg
Nico Rosberg (©Getty Images)

Il tanto atteso annuncio ufficiale è finalmente arrivato: Nico Rosberg resterà nel team Mercedes fino al 2018.

Il pilota tedesco ha rinnovato il contratto che lo lega alla celebre scuderia di F1: la notizia è stata comunicata in prima battuta dallo stesso Rosberg attraverso un breve video pubblicato sul suo profilo social nel quale, tra larghi sorrisi e abbracci con il direttore della scuderia Toto Wolff ma senza proferire una sola parola, si vedono i due apporre “vigorose” firme su un foglio del quale, però, la videocamera non coglie i contenuti. Poco dopo, a fare chiarezza è il sito internet della stessa Mercedes dove la notizia viene confermata specificando che il contratto, in scadenza quest’anno, è stato rinnovato fino al 2018 compreso. E in una foto appare anche il documento, stavolta leggibile. Il sito della Formula 1, da parte sua, fa notare che per il prossimo Campionato Mercedes, Ferrari e Red Bull presenteranno gli stessi piloti. Il tedesco leader del Mondiale di Formula 1 (con un solo punto di vantaggio sul team mate Lewis Hamilton) è alla Mercedes dal 2010 e nelle ultime due stagioni ha ottenuto altrettanti secondi posti. Il duello tutto interno alla scuderia continuerà dunque, c’è da scommetterci, come e più di prima.

“Abbiamo negoziato questo contratto per qualche mese. È sempre stato chiaro che vogliamo continuare con Nico e anche per lui la Mercedes è il team più veloce, ma è importante avere finalmente la firma e sono molto felice di questo”, ha commentato ai microfoni di Sky il boss della Mercedes Toto Wolff. “Questo gli darà più slancio nella lotta per il Mondiale? Lo spero, la lotta fra le due Mercedes è molto intensa e questo mi piace oltre ad essere importante per la Formula 1”, ha aggiunto Wolff allargando il discorso a Lewis Hamilton. “Sono giorni di mal di testa – ha infine ammesso a margine delle prime libere del Gp di Ungheria-, ma siamo consapevoli che questa è la situazione migliore anche per la squadra perché fa andare la macchina più veloce e fa spingere l’uno e l’altro. Siamo contenti così”.