Casey Stoner: “Ducati ok, l’incidente è una delusione”

Casey Stoner Red Bull Ring
Casey Stoner (©Getty Images)

Casey Stoner ha chiuso il secondo giorno di test al Red Bull Ring al 3° posto, alle spalle dei due piloti ufficiali della Ducati. Il collaudatore non ha avuto modo di provare il nuovo telaio e nelle fasi finali ha rimediato un incidente senza conseguenze alla curva 6. Ma la Rossa di Borgo Panigale esce a pieni voti dal test dello Spielberg.

E’ il primo errore in veste di collaudatore per il due volte campione della MotoGP, il primo negli ultimi quattro anni: “Qui ho rischiato molto, ero preparato per una caduta, ma è andato tutto bene. Sono arrivato alla curva successiva, era strano, la ruota anteriore è facilmente crollata, forse ho avuto un po’ più di velocità rispetto a prima”, ha raccontato Casey Stoner. “Abbiamo trascorso due giorni con le gomme dure. Forse al posteriore c’era più aderenza, così il pneumatico anteriore è stato caricato di più”.

In questi giorni ha testato solo il telaio standard e ha trovato un ottimo feeling con le gomme dure, ma resta l’amaro per quell’errore nei minuti finali: “Chiaramente, l’incidente è una delusione. D’altra parte ho fatto quattro anni senza nessun errore. Quindi, una serie positiva deve finire prima o poi. E doveva succedere con le gomme morbide, logicamente”.

Ma la nota positiva è che la Ducati Desmosedici in Austria sembra essere imprendibile per chiunque: “Su questo circuito non ho trovato nessun punto debole sulla Ducati. La moto ha una buona stabilità in frenata ed è impressionante… Ma non ho avuto modo di provare qui l’ultima telaio che ho provato a Misano, solo Dovi e Iannone sono scesi in pista con esso; questo telaio lavora meglio in curva. Nelle curve 1 e 3 abbiamo un po’ di problemi con il grip… La moto va abbastanza bene, è molto consistente – ha concluso Stoner -, non possiamo lamentarci”.