Santi Hernández: “Rossi e Lorenzo davanti a Marquez senza errori”

Marc Marquez
Marc Marquez (Getty Images)

Marc Marquez sempre più avviato alla conquista del terzo titolo in MotoGP. Il pilota della Honda, dopo il Gran Premio del Sachsenring, è netto vantaggio. Jorge Lorenzo e Valentino Rossi hanno rispettivamente 48 e 59 punti di distacco in classifica.

Servirebbe un miracolo ai suoi avversari per recuperare il gap. E al contempo lo spagnolo dovrebbe essere protagonista di un disastro forse mai visto nel motociclismo. Dunque le premesse affinché il fenomeno di Cervera vinca ci sono tutte. Certamente lui non dovrà sottovalutare le prossime gare però. Ne mancano nove e ci sono tanti punti in palio. Da metà agosto, tra Austria e Repubblica Ceca, potrebbe mettere un’ulteriore ipoteca sul suo titolo.

 

Santi Hernandez parla di Marc Marquez

Intanto il quotidiano Marca ha interpellato Santi Hernandez, capo-tecnico di Marc Marquez. Ha spiegato così questo brillante 2016: “Dopo quello che è successo l’anno scorso, sia lui che la squadra ha imparato la lezione. Nel 2015 abbiamo fatto degli errori. Ma Marc è molto intelligente e sa quando sbaglia. Ha capito che a volte è meglio essere secondo o terzo che fare zero punti”.

Il top rider della Honda è maturato molto. In alcuni momenti della gara invece di rischiare è più prudente. Ciò gli ha permesso di essere costante e di portare a casa punti importanti. Ciò ha fatto la differenza in classifica. Infatti i suoi avversari hanno commesso errori e fatto registrare degli zeri.

Santi Hernandez poi parla della strategia azzeccata del Sachsenring: “Abbiamo un modo per comunicare con lui quando deve entrare. Ha anche un codice per segnalare quando entrare. Che ha funzionato e penso che sta funzionando. Quando qualcosa va, è molto facile dire che tutto ciò che facciamo è giusto”. In Germania la tattica adottata dal pilota e dal suo team è stata perfetta, invece la Yamaha ha sbagliato.

Nonostante il grande vantaggio in classifica, il capo-tecnico spagnolo ammette che la Honda non è la moto migliore: “Noi non siamo al miglior livello in cui vorremmo essere. Se siamo realisti, se guardiamo gli errori che hanno fatto Valentino e Jorge, sicuramente sarebbero più avanti di noi. Non possiamo dimenticarlo”. Marc Marquez è stato bravo a tirare fuori il meglio dal suo mezzo e a sfruttare gli sbagli dei rivali. A volte i titoli si vincono anche così.