Rivoluzione F1: Apple vuole comprarsi il Circus di Ecclestone

Apple logo
Apple logo (©Getty Images)

La Apple potrebbe scendere sulle piste di Formula 1 diventando la principale azionista della Fom (Formula One Management). Il colosso di Cupertino si pone l’obiettivo di incrementare la visibilità nel mondo dei motori in vista dello sbarco sul mercato mondiale della Apple Car. A lanciare l’indiscrezione è stato il giornalista inglese Joe Saward dalle pagine del suo blog.

Secondo le prime indiscrezioni Apple potrebbe subentrare alla CVC, la società finanziaria britannica che detiene la maggioranza della Fom, nell’azionariato di maggioranza della F1. È l’indiscrezione clamorosa che rimbalza dalla Gran Bretagna ad opera di un noto giornalista che segue da oltre trent’anni i GP del Circus, sia come inviato del settimanale inglese Autosport sia come free lance.

Apple contratta con Ecclestone

Al momento le parti starebbero valutando i pro e i contro del progetto prima di passare alla vera e propria negoziazione. Una notizia che trova conferma nel fatto che da tempo la CVC gestita da Bernie Ecclestone era alla ricerca di un serio acquirente. Nessuno potrebbe esserlo più della Apple, la società più ricca e prestigiosa del mondo, con una capitalizzazione di oltre 500 miliardi di dollari e una liquidità netta accumulata di oltre 200 miliardi di dollari, tanto da potersi comprare Mercedes, Ferrari e l’intero pacchetto del Circus, senza intaccare l’intero capitale.

La strategia di mercato è forse orientata a portare i GP di F1 sulla propria piattaforma televisiva così da riavvicinare i giovani a questo sport che da anni sta facendo acqua da tutte le parti pur garantendo introiti colossali. In questo modo Apple potrebbe rivoluzionare il rapporto tra corse e F1 attraverso la web tv e internet. Dulcis in fundo non è un caso che Apple sia stringendo accordi sempre più serrati con le case automobilistiche per portare l’interfaccia Apple Car Play sulle auto come anello di collegamento tra telefono e auto. Nelle prossime settimane ne sapremo di più.