Lorenzo insegue Marquez: “Gap recuperabile, ma non sarà facile”

Jorge Lorenzo
Jorge Lorenzo (©Getty Images)

Dopo la pioggia di Assen che ha frenato la corsa iridata di Jorge Lorenzo e Valentino Rossi la MotoGP ritorna in pista ad Assen, un circuito favorevole alle Honda e dove il maiorchino non ha mai vinto.

L’asfalto bagnato di Assen ha costretto Lorenzo a rallentare e tagliare il traguardo in decima posizione, pochi punti che non possono consolare il campione in carica, considerando che Marquez ha conquistato 20 punti d’oro consolidando il primato in classifica. In Germania è vietato sbagliare, bisogna sperare nel bel tempo perchè pioggia e gomme Michelin possono riservare sgradite sorprese ai piloti Yamaha.

“Ho avuto due gare molto difficili e ora arriva la Germania, che non è esattamente un circuito favorevole per la Yamaha, che non ha vinto lì in 12 anni. Ma non è mai troppo tardi per provare”, ha dichiarato Lorenzo a El Mundo Deportivo. Il leader Marc Marquez dista 24 punti in classifica e Jorge Lorenzo è consapevole della difficoltà che lo combattere, ma non arrendersi. “Il gap è recuperabile, ma non sarà facile. L’obiettivo è quello di continuare a lottare per il campionato, quindi spero di fare una buona corsa per recuperare la differenza”, ha aggiunto il rider Yamaha.

Un giro al Tour de France

In questi giorni Lorenzo ha ammirato da vicino il Tour de France andando in ritiro con il team Movistar. Chi vincerebbe in una corsa ciclistica: Márquez, Pedrosa, Rossi o lui? “Pedrosa, perché passa molto tempo con la bici ed è leggero. Anche se Marquez è in forma”, ha detto a Motor.as.com.

E’ più difficile andare in bicicletta o in moto? Non c’è dubbio che in bicicletta è più faticoso. Si allenano cinque o sei ore al giorno  e competono con molti altri avversari”. Ma il pericolo è forse maggiore in moto? “E’ diverso. La velocità è molto di più su una moto, in quanto ha un motore. Ma si viene protetti da una tuta in pelle. Nel ciclismo le strade sono più insicure di un circuito – ha concluso Jorge Lorenzo – e possono cadere direttamente con il corpo”.