F1, comunicato Mercedes: “Hamilton e Rosberg liberi, ma basta errori”

Lewis Hamilton Nico Rosberg
Lewis Hamilton e Nico Rosberg (©Getty Images)

Clima rovente nel box Mercedes dopo il Gran Premio d’Austria. Il contatto tra Lewis Hamilton e Nico Rosberg nel giro finale dell’ultima gara a Spielberg ha lasciato non pochi strascichi. Adesso la tensione è alle stelle e i vertici della scuderia non sono affatto contenti di questo.

Si era parlato della possibilità che, per evitare nuovi spiacevoli episodi, venissero impartiti ordini di scuderia. Una pratica che soprattutto in passato veniva utilizzata e che di tanto in tanto è stata ancora impiegata. Una soluzione estrema da adottare nel caso in cui i piloti non riescano a regolarsi. Sarebbe positivo vedere battaglie sempre leali, per quanto dure possano essere. Il bello dello sport è anche questo. Ma quando si va oltre certi limiti, la condotta diventa antisportiva. E’ normale voler vincere, però con le scorrettezze si rischia di vanificare sforzi e sacrifici.

F1, Mercedes emette un comunicato su Hamilton e Rosberg

La Mercedes, dopo una riunione di team, ha preso delle decisioni e le ha annunciate su tramite un comunicato ufficiale.

“Stamattina, presso la sede della Mercedes a Brackley, si sono svolti incontri positivi tra Toto Wolff, Paddy Lowe, Lewis Hamilton e Nico Rosberg. I nostri piloti sono stati informati che rimarranno liberi di correre per il Campionato del Mondo. Pensiamo che questa sia l’essenza della Formula1, anche tra compagni di squadra. Come appassionati vogliamo vederli correre e questo se lo aspettano pure i tifosi della F1.

Tuttavia, questa libertà deve rispettare quelli che sono i valori di squadra. Nelle ultime cinque gare ci sono stati tre incidenti che ci sono costati più di 50 punti nel Campionato Costruttori. Per tale ragione abbiamo rafforzato le nostre regole di ingaggio, con maggiori deterrenti al fine di evitare contatti tra le nostre monoposto. Alla luce di questi accordi, noi daremo la massima fiducia ai piloti, e il loro destino è nelle loro mani.

Abbiamo ricordato ai nostri piloti che possiamo impartire ordini durante qualora ci fosse una situazione che potenzialmente può portare ad una perdita di punti nella classifica costruttori, come abbiamo fatto nel Gran Premio di Monaco di quest’anno, quando è stato chiesto a Nico di dare strada a Lewis. Se i piloti non rispetteranno le regole stabilite, potremo imporre ordini di scuderia come soluzione di ultima istanza”.

Le parole della scuderia di Backley sono molto chiare. Lewis Hamilton e Nico Rosberg sono ancora liberi di correre, però niente passi falsi. I due driver dovranno rispettarsi in pista. I duelli sono leciti, ma nell’osservanza delle regole. Nel caso in cui si venisse a creare una situazione complicata, verrebbe imposto un ordine di scuderia. Ovviamente esso andrebbe poi rispettato obbligatoriamente. La Mercedes non ammetterà nuovi sbagli.