Nuova Citroen C3, ispirazione dalla Cactus

Citroen C3
Citroen C3 (image by Twitter)

Svelata oggi la nuova Citroen C3. Una nuova versione del modello che dal 2002 ha riscosso molto successo con 3,5 milioni di vetture vendute in tutto il mondo, di cui 500 mila solamente in Italia. Quello che è stata presentato oggi al pubblico però sembra essere un modello rivoluzionario sia per l’assetto che per la possibilità di personalizzare l’auto. Una vettura che fornisce il massimo della comodità all’interno abbinata ad una tecnologia avanzata come la Connected Cam, una telecamera HD integrata nell’infotainment della vettura che dà la possibilità ai clienti di condividere immagini e video.

Colorazione bicolore all’esterno con tre note di colore per quanto riguarda il tetto senza dimenticare l’abbinamento sui fendinebbia, sulle calotte degli specchietti retrovisori, sul montante posteriore e sugli Airbump ereditati, classici della Cactus. Sono quattro invece i colori che si possono usare per l’interno dell’abitacolo.

Passiamo ora ai motori per i quali sono stati confermati il benzina a 3 cilindri da 68, 82 e 110 cavalli più due varianti turbodiesel di 1600 cc che sprigionano una potenza da 75 e 100 cavalli. Nel momento del lancio del mercato tutti questi propulsori saranno abbinati ad un cambio manuale, ma successivamente potrà essere installato anche il cambio automatico EAT6.

La tecnologia non si ferma alla Connect Cam, ma è presente anche il Citroen Connect Nav. Un navigatore di nuova generazione al quale sono stati abbinati dei servizi live come TomTom Traffic, utilizzabile anche tramite il riconoscimento vocale. Non manca il Mirror Screen che ci dà la possibilità di collegare lo smartphone e riproducendone il contenuto sul Touch Pad, tramite Apple CarPlay, Android Auto e MirrorLink. Come assistenza di guida poi saranno a disposizione anche la telecamera di retromarcia, l’assistenza alla partenza in salita e la sorveglianza dell’angolo cieco.

Un modello sul quale la casa francese ha intenzione di puntare in maniera decisa per quanto riguarda il 2017, augurandosi lo stesso successo della variante precedente.