Assen, Marc Marquez: “Meglio di così… impossibile”

Marc Marquez
Marc Marquez (©Getty Images)

Marc Marquez ha dimostrato ancora una volta di aver fatto tesoro degli errori della scorsa stagione, ha imparato che una caduta in gara può costare cara e che molte volte spingere al limite non conviene. Il secondo posto di Assen vale più di una vittoria e il fenomeno di Cervera s’invola verso il titolo iridato.

Una gara all’insegna della pioggia che ha condizionato non poco l’arrivo al traguardo, ma tra gli imprevedibili Miller e Redding è riuscito a insinuarsi per un secondo posto che vale un pezzo di titolo mondiale, considerando la caduta di Rossi e il 10° piazzamento di Lorenzo. Un podio che vale oro colato… “E’ stata una di quelle gare dove puoi cadere e perdere molti punti o puoi vincere – ha dichiarato ‘El Cabroncito’ -. Una corsa da affrontare con due tipi di mentalità: prendere dei gradi rischi per vincere o, come mi hanno ripetuto gli uomini del team… puntare al risultato utile per la classifica e correre senza sbagliare”.

Nella prima parte della gara Marc Marquez ha sofferto perdendo distanza dalle prime posizioni, nella seconda parte “ho provato a spingere di più ma ho deciso di non seguire Rossi e Dovizioso perché secondo me stavano andando troppo veloci nelle condizioni in cui si trovava la pista. Quando mi sono accorto che Miller era vicino ho preferito lasciarlo passare mantenendo la distanza dal terzo. Con Lorenzo in fondo al gruppo e con Rossi fuori, questo secondo posto è come una vittoria… ho capito che dovevo essere prudente – ha concluso il pilota della Repsol Honda -. L’obiettivo era quello di non perdere troppi punti in classifica, invece li ho guadagnati. Meglio di così, impossibile”