MotoGP Assen, Jorge Lorenzo: “Temevo di cadere, non ho spinto”

Jorge Lorenzo
Jorge Lorenzo (©Getty Images)

Non è caduto come Valentino Rossi, però neppure Jorge Lorenzo può dirsi soddisfatto oggi. Nel Gran Premio d’Olanda MotoGP disputato ad Assen è arrivato solo decimo sul traguardo. Senza diversi ritiri davanti a lui, il risultato sarebbe stato ben peggiore.

La gara è stata spezzettata in due a causa della pioggia. Dopo la prima parte era addirittura diciannovesimo. Nella seconda non è riuscito ad andare oltre la decima piazza e ha conquistato 6 punti. Adesso Marc Marquez ha allungato nella classifica mondiale e dista 24 punti.

L’obiettivo di vincere il titolo è ancora alla portata, infatti mancano ancora otto gare alla fine della stagione. Però il maiorchino deve tornare ad essere il Martillo visto nel 2015 e in alcune occasioni quest’anno. Altrimenti sarà dura recuperare sul connazionale.

Jorge Lorenzo ai microfoni di Sky Sport ha poi commentato la corsa odierna. Queste le sue parole: “Non ho mai trovato feeling e velocità per tutta la gara. Avrei potuto arrivare quinto oppure sesto, ma la Michelin ha portato una gomma troppo dura per il grip dell’asfalto. Quando non sento andare bene lo pneumatico anteriore, non sono a mio agio. Possiedo uno stile di guida differente, ho avuto paura di cadere e non ho spinto”.

Enormi difficoltà per il campione in carica MotoGP: “Quando non ho feeling con l’anteriore, sono il più lento in pista. E’ davvero difficile per me adattarmi a queste gomme. Più che Assen in generale, negli ultimi anni sto soffrendo la curva 6 e la 13. A questi cambi di direzione non riesco ad adattarmi e ad andare forte“.

Adesso il prossimo appuntamento del campionato 2016 è in Germania al Sachsenring. Si corre il 17 luglio e Jorge Lorenzo proverà a tornare alla vittoria. Lì l’anno scorso ci fu doppietta Honda con Marc Marquez e Daniel Pedrosa davanti a Valentino Rossi e al maiorchino.