F1 Ferrari, Sebastian Vettel: “Impaziente di correre a Baku”

Sebastian Vettel
Sebastian Vettel (©Getty Images)

Domenica Sebastian Vettel ha visto sfumare la possibilità di vincere il Gran Premio del Canada sul circuito di Montreal a causa di un’errata strategia del box Ferrari. La scelta di optare per due soste invece che per una sola, cosa fatta da Lewis Hamilton con la Mercedes, ha finito per penalizzare il tedesco.

Dopo una partenza lampo che lo aveva portato dalla terza alla prima posizione, il ferrarista si era creato le premesse per il primo successo nel campionato F1 2016 ed è rimasto sicuramente un po’ deluso per essersi dovuto accontentare di un secondo posto che comunque non è un brutto risultato. Adesso nel prossimo week-end si corre a Baku in Azerbaigian e c’è l’occasione per cercare un pronto riscatto immediatamente.

 

Sebastian Vettel e Riccardo Adami commentano Baku

Sul sito ufficiale della Ferrari sono comparse delle dichiarazioni di Sebastian Vettel riguardanti il prossimo appuntamento del campionato di Formula1 2016. Il parere del pilota sulla pista azera è positivo: “Non conosco l’Azerbaigian e non vedo l’ora di andarci, ne ho sentito parlare molto bene. Sembra che il tracciato sia entusiasmante, in buona parte attraversa la città e in alcuni punti è molto stretto. In generale amo i circuiti cittadini, di solito sono molto difficili, con fondo irregolare e stretti; spero che anche Baku risponda a queste caratteristiche”.

Trattandosi di una pista molto veloce, sarà importante avere un motore molto performante. Si raggiungeranno velocità di circa 340 km/h. Il tracciato presenta anche dei punti lenti e stretti, però sembra creato per garantire un buon spettacolo agli spettatori. Si tratta della prima edizione del Gran premio dell’Azerbaigian e c’è molta curiosità di assistere alla corsa.

Anche Riccardo Adami, ingegnere di pista di Sebastian Vettel ha espresso il proprio pensiero sul circuito di Baku: “Finora lo abbiamo visto solo al simulatore. Abbiamo fatto una sessione dedicata per impararne le caratteristiche. Si tratta di una pista molto difficile, con tante curve e un lungo rettilineo. La curva 8 è molto impegnativa, la pista si restringe, molto più di come accade sul tracciato di Montecarlo”.

Per quanto concerne le condizioni meteo ha spiegato che “dovrebbe fare caldo e ci si aspetta parecchio vento, fattore da tenere in considerazione per gli assetti. Dovremo fare scelte di compromesso per il degrado delle gomme e per avere aderenza nella parte mista, fatta di rettilinei, frenate importanti e curve lente”.