Euro 2016, Kia sponsor ufficiale: Pogba e Griezmann con la Maserati

Paul Pogba
Paul Pogba (©Getty Images)

Siamo entrati ormai nel vivo degli europei di calcio che si stanno disputando in Francia con l’Italia che ha esordito nella serata di ieri con una vittoria sul Belgio grazie ai gol di Giaccherini e Pellè.

In questo articolo andiamo però ad approfondire quello che lega il mondo dei motori alla competizione continentale calcistica, sia dal punto di vista degli sponsor che delle preferenze delle stelle presenti. Il fornitore ufficiale dell’Uefa e per questo mese anche dell’Italia, è la Kia, casa sudcoreana che ha messo a disposizione 447 veicoli per permettere gli spostamenti dei calciatori e degli addetti ai lavori durante lo svolgimento dell’europeo. Diversi i modelli messi a disposizione dal colosso asiatico, la Sportage, Optima, Carens, Soul e l’intera famiglia Cee’d.

Grande soddisfazione in casa Kia per essere riusciti ad assicurarsi la sponsorizzazione dell’evento come affermato dal vicepresidente e responsabile marketing per l’esportazione dell’azienda Yong-Won: “L’europeo di calcio è una delle manifestazioni più seguite al mondo – parole riportate dall’Ansa – e noi tutti siamo entusiasti di essere coinvolti in questo evento popolare. Per noi si tratta di una grande possibilità di avvicinare il pubblico al nostro marchio”. Durante l’intero svolgimento del torneo, Kia si renderà protagonista di eventi che saranno mirati al coinvolgimento del pubblico presente per avvicinarlo sempre di più a quello che è proprio mondo.

Stando a quanto scritto da AutoPlus però, il fascino delle automobili italiane ha colpito le stelle della nazionale francese, Pogba e Griezmann. Sia il gioiello della Juventus che quello dell’Atletico Madrid infatti, possiedono la Maserati GranTurismo, un auto che sembra riscontrare l’apprezzamento di altri grandi campioni del mondo del calcio. Lionel Messi ad esempio, ha una Maserati Gran Turismo MC Stradale, lo stesso modello della casa del ‘Tridente’ che aveva stregato Mario Balotelli che ne possedeva una quando era un giocatore del Manchester City.