Zee.Aero: la fucina delle auto elettriche volanti (VIDEO)

(foto dal Web)
(foto dal Web)

Car is in the air, verrebbe da dire, parafrasando una celebre canzone, di fronte alla rivoluzione annunciata da Zee.Aero, la start up delle auto elettriche volanti. No, non si tratta di uno scherzo, visto che un imprenditore del calibro di Larry Page ha deciso di investire personalmente in questo progetto ben cento milioni di dollari, nell’obiettivo di innovare la mobilità.

La vettura in questione, una sorta di incrocio tra automobile, elicottero, e aereo, si è guadagnata anche l’attenzione di Bloomberg, che dedica la copertina all’innovazione tecnologica. In concreto, l’americana Zee.Aero sarebbe al lavoro su un nuovo mezzo di trasporto elettrico in grado di viaggiare come un’auto, decollare come un elicottero e volare come un aereo. E l’azienda, ospitata in un edificio a un passo dal quartier generale di Google, farebbe capo al cofondatore del colosso di Mountain View e amministratore delegato di Alphabeth in persona. Cioè il suddetto Larry Page, 12° uomo più ricco del mondo con un patrimonio stimato da 37 miliardi di dollari, il quale avrebbe scommesso sull’azienda già dal 2010, finanziandola con oltre cento milioni di dollari, con la clausola, però, che il suo nome non apparisse pubblicamente.

Zee.Aero è stata fondata nel 2010 da Ilan Kroo, professore del Dipartimento di Aeronautica e Astronautica di Stanford ed ex dipendente di Advanced Aerodynamic Concepts Branch della Nasa, azienda che ha lasciato lo scorso anno (ma ne è rimasto consigliere). Nel 2013, Kroo ha depositato il brevetto di un’auto capace di decollare e volare grazie a una struttura con dieci eliche. Non solo: grazie alle dimensioni affusolate, il mezzo sarebbe in grado di entrare nel normale spazio di un parcheggio.

In base alle informazioni raccolte dalla testata americana, Zee.Aero impiega oggi 150 persone e testa periodicamente i suoi prototipi in un hangar a circa un’ora di viaggio da Mountain View. Fra i suoi talenti figurano personaggi di spicco provenienti dall’industria aerospaziale e meccanica (SpaceX, Nasa e Boeing, solo per fare qualche nome), affiancati da ingegneri software, esperti in motori e batterie e altri specialisti.

Zee.Aero avrebbe però già un concorrente in casa: sempre secondo Bloomberg, infatti, Page finanzia anche Kitty Hawk, un’altra azienda impegnata nella realizzazione di un’auto in grado di volare simile a un quadcopter “extra large”. Su questo fronte sono poi impegnati competitor come Jeff Bezos ed Elon Musk. L’obiettivo è sempre quello di realizzare un prototipo che rivoluzioni il trasporto privato. E potrebbero essere proprio i motori elettrici e le nuove batterie – molto più leggeri di quelli attuali – a cambiare il destino di un’idea che, finora, è rimasta sulla carta. Chi vivrà vedrà – pardon, volerà.