Formula 1, Arrivabene: “Adesso puntiamo alla vittoria”

Maurizio Arrivabene
Maurizio Arrivabene (©Getty Images)

La Ferrari ha recitato un ruolo da protagonista nel GP di Montreal, con Sebastian Vettel che ha sfiorato la vittoria e Kimi Raikkonen che chiude con un timido sesto posto. Il finlandese ha impostato la corsa su due soste, come il compagno di squadra, ma la decisione non è stata la più giusta e ha premiato la sosta unica adottata dalla Mercedes.

Kimi Raikkonen ha patito un cattivo feeling con le gomme per tutta la gara oltre alla errata strategia decisa ai box del Cavallino: “Non è stato un weekend facile, abbiamo cercato di ricavarne il meglio, ma non possiamo assolutamente essere soddisfatti del risultato. La macchina andava bene in alcune parti della pista ma in altre, a causa delle basse temperature, ero in difficoltà con le gomme – ha detto Kimi -: quando ero libero di spingere andava tutto bene, ma poi quando dovevo rallentare per risparmiare carburante si raffreddavano ed era difficile farle funzionare. E’ andata così per la maggior parte della gara. Non so cosa aspettarmi dal prossimo fine settimana, ho visto il tracciato di Baku solo al simulatore, ma sono sicuro che sarà un circuito impegnativo. E’ sempre bello andare in un posto nuovo”.

Il team principal Maurizio Arrivabene inizialmente aveva ammesso l’errore di optare per il doppio pit-stop, ma poi fa retromarcia e ammette che la scelta non è stata del tutto sbagliata. Ma non c’è tempo per i rimpianti e fra qualche giorno si ritorna in pista per il Gran Premio di Baku, in Azerbaijan: “Sebastian ci ha fatto vedere una partenza favolosa e una grandissima gara, dimostrando che questa macchina ha i muscoli. Kimi ha sofferto forse un po’ troppo quando, in modalità risparmio di carburante, le sue gomme si raffreddavano e faticava a riportarle in temperatura – ha dichiarato Arrivabene sul sito Ferrari.com -. Quanto alle strategie di gara, abbiamo cercato di sfruttare la Virtual Safety car, che è durata molto meno del previsto. Avrebbe potuto essere una mossa molto valida, tenendo conto del degrado stimato sulle gomme Ultrasoft, che però non si è verificato. Anche così sono contento per il secondo posto di Seb, soprattutto per l’impegno dimostrato da tutta la squadra dopo Monaco. Adesso dobbiamo continuare a lavorare con umiltà ma con ancora più determinazione – ha concluso Maurizio Arrivabene -, e puntare finalmente alla vittoria”.