Ducati, Domenicali: “Siamo contenti e scontenti”

Claudio Domenicali
Claudio Domenicali (©Getty Images)

Claudio Domenicali traccia un primo bilancio provvisorio per questo inizio di Mondiale 2016. Dopo sette gare la Ducati ha dimostrato di aver fatto ulteriori passi avanti, ma non sempre Dovizioso e Iannone hanno raccolto quanto meritavano. Dal 2017 la musica dovrà cambiare con l’arrivo di Jorge Lorenzo.

In occasione della presentazione del World Ducati Week Claudio Domenicali, ad della casa di Borgo Panigale, ha emesso il primo verdetto stagionale: “Siamo contenti e scontenti. Contenti perché sicuramente abbiamo fatto vedere che abbiamo lavorato bene, i piloti sono forti e le moto sono veloci, velocissime: il record mondiale di velocità al Mugello ancora una volta è targato Ducati – ha spiegato il manager Ducati -. Abbiamo però sprecato tantissime occasioni”.

Fra tutti gli episodi da recriminare impossibile dimenticare quel tragicomico finale nel GP d’Argentina, quando Iannone nel tentativo di un impossibile sorpasso ha steso sull’asfalto il Dovi, quando mancavano poche curve ed entrambi avevano un posto assicurato sul podio. Probabilmente la goccia che ha fatto traboccare il vaso e ha spinto l’ago della bilancia verso il pilota forlivese nella riconferma per il prossimo campionato, quando arriverà il campione in carica Jorge Lorenzo per tentare l’assalto al titolo iridato.

“Normalmente si dice che le corse sono fatte anche di questo – ha aggiunto Claudio Domenicali – e normalmente si guadagnano dei crediti: quindi si guadagnano dei crediti per il futuro”. Adesso massima concentrazione al GP di Assen e al WDW che si terrà dall’1 al 3 luglio al Misano World Circuit ‘Marco Simoncelli’: “Questa manifestazione è ormai un classico, ma è sempre un momento emozionante arrivare vicini all’inizio. A Misano ci saranno le moto, i nostri appassionati, ci saranno gli eroi delle corse e tutti i dirigenti dell’azienda: è un evento con una lunga storia – ha concluso Domenicali – che ha raccolto campioni e tifosi”.