Jorge Lorenzo: “Cambio curve? Io e Rossi non interpellati”

Jorge Lorenzo
Jorge Lorenzo (©Getty Images)

Jorge Lorenzo non è riuscito ad andare oltre la seconda posizione nelle Qualifiche del Gran Premio di Catalogna a Montmelò. Non si tratta certamente di un piazzamento negativo, però il quasi mezzo secondo di distanza dal pole-man Marc Marquez non è poco e pertanto lui e il suo team dovranno lavorare per colmare il gap rispetto al pilota Honda in ottica gara.

Domattina c’è un warm-up dove poter ancora sistemare delle cose, in particolare trovare una soluzione per non perdere decimi nel T4, ovvero il settore della pista che è stato modificato dopo la tragica morte di Luis Salom avvenuta ieri nel corso delle prove libere della classe Moto2. La Yamaha sembra più in difficoltà rispetto alla Honda nell’affrontare quel punto e la squadra adesso deve individuare la maniera per poter essere maggiormente competitiva.

GP Catalunya, Qualifiche: parla Jorge Lorenzo

Jorge Lorenzo al termine della sessione di Qualifiche di questo pomeriggio si è così espresso ai microfoni di Sky Sport: “Avevo preso due secondi nelle ultime prove libere perché montavo gomme vecchie sia all’anteriore che al posteriore. In qualifica ho messo pneumatici nuovi, però non ho avuto il vantaggio di ieri. Dopo quanto avvenuto a Salom, la Race Direction ha cambiato la curva dell’incidente e quella dello stadio. Proprio lì soffriamo le staccate forti, perché la Honda è più agile della Yamaha. Comunque siamo lì davanti, abbiamo fatto una grande qualifica e vediamo se domani riusciamo a migliorare la moto”.

Il campione del mondo MotoGP in carica ha lanciato una frecciatina nei confronti di chi ha deciso di modificare l’ultimo settore della pista: “La Direzione di Gara ha deciso insieme a qualche pilota di cambiare il tracciato e io non ho avuto la possibilità di dire la mia opinione. Per me andava cambiata solo la curva dell’incidente e non pure la 9. Nessuno ci ha parlato di questo incontro in quel punto, né io e né Rossi siamo stati interpellati. E’ un peccato, ma ormai dobbiamo accettarlo”.

Non manca da parte di Jorge Lorenzo un pensiero nei confronti di Luis Salom: “La cosa più importante è che lui purtroppo non c’è più, la gara è secondaria. Da piccoli ci allenavamo insieme e dunque avevamo un buon rapporto. Se vinciamo gli dedichiamo la vittoria, a volte la vita è ingiusta”