Dani Pedrosa: “Non devo dimostrare niente a nessuno”

Dani Pedrosa
Dani Pedrosa (©Getty Images)

Nel finale di stagione 2015 Dani Pedrosa aveva lasciato presagire un 2016 scoppiettante, ma il pilota Honda nelle prime sei gare è riuscito a conquistare solo un podio, a Rio Hondo, collezionando 66 punti che valgono il 4° posto in classifica. Il GP di Catalunya può rivelarsi la gara del riscatto, ma la RC213V non sembra essersi adattata al meglio alle nuove gomme Michelin.

Nonostante un inizio di campionato sottotono il pilota di Sabadell ha riconquistato la fiducia della Repsol Honda per il prossimo biennio e farà coppia con Marc Marquez ancora fino alla fine del 2018: “Sono soddisfatto di correre i prossimi due anni con la Honda, è una nuova sfida – ha detto ai microfoni di Motogp.com -. Questa decisione che ho fatto con il cuore, perché tutta la mia carriera con la Honda è andato liscia ed ha avuto successo. Sono quindi molto felice di continuare altri due anni con la Honda e guardo con fiducia al futuro”.

Dani Pedrosa ha esordito nel Motomondiale con la Honda nel 2001 e da allora mai nessun allontanamento, una storia destinata a segnare la sua carriera e anche quella del team nipponico. Tre titoli iridati nelle classi inferiori, mai nessuno in classe regina, ma ha sempre dimostrato di poter lottare con i migliori e di essere un ottimo collaudatore per la moto. “Naturalmente ci sono state altre offerte e vi è una fase in cui dobbiamo considerare ciò che è meglio per la carriera. So che la Honda voleva tenermi e questo significa molto per me”.

Non essere riuscito a conquistare un Mondiale nella MotoGP non sembra arrecargli disturbo, o forse si, quantomeno come stimolo a fare sempre meglio “Non devo dimostrare niente a nessuno, perché ho già ottenuto più di quanto sia mai stato previsto di me. Quando sono entrato in questo sport, nessuno avrebbe mai immaginato che fossi rimasto nel Campionato del Mondo MotoGP. Ora sono da un po’ di tempo qui ed è ancora abbastanza buono. Vincere il titolo è uno dei miei più grandi sogni – ha concluso Pedrosa -. Ma io non devo dimostrare niente a nessuno”.