Alberto Tebaldi: “Valentino Rossi? E’ uno che tira le orecchie”

Valentino Rossi
Valentino Rossi (©Getty Images)

Alberto Tebaldi, 47 anni, meglio noto come “Albi”, è ad di VR46 Racing Apparel e consigliere dello Sky Racing Team VR46. Valentino Rossi, il merchandising delle due ruote e il lavoro sui nuovi talenti sono il suo pane quotidiano. E nessuno meglio di lui può spiegare cosa succede nei box di un Motomondiale. “C’è un’intensa attività – spiega Tebaldi a Sky Sport – . Si cerca di fare in modo che ogni cosa sia perfetta… E’ un lavoro che si prepara dall’inverno e che può essere ottimizzato, oppure sprecato, in un lasso di tempo brevissimo”.

Guai però a tirare in ballo la buona o la cattiva sorte. “Non si tratta mai di sfortuna o fortuna, entrambe giocano un piccolissimo ruolo, nella vita come nelle gare – precisa – . Dipende solamente da quanto si fa… Una disattenzione anche piccola non solo mette a repentaglio la prestazione ma anche la sicurezza del pilota”.

Anche da qui la scelta di dar vita all’Academy: “E’ importante che attorno ad un pilota ci sia armonia e gente che si vuole bene. L’idea di creare una struttura come l’Academy è venuta in maniera spontanea, per dare seguito a richieste di consigli da parte di giovani piloti amici che venivano al Ranch… Vogliamo che i giovani talenti crescano secondo ‘il metodo Valentino Rossi'”.

Più precisamente, “cerchiamo di trasferire ai pilotini tutta l’esperienza che stiamo maturando insieme a Valentino – spiega Tebaldi – . Parlo di metodo, perché Vale è unico, basta guardare quello che ancora oggi fa. Il suo approccio, il costante lavoro su se stesso, la concezione altissima di professionalità, sono un vero modus vivendi per un pilota”. Adeguarsi a questo standard non è certo facile per tutti, “ma i pilotini temono Valentino, lui è uno che gli tira le orecchie quando c’è bisogno”.

Uno dei più promettenti, a suo dire è Nicolò Bulega: “ha un talento cristallino e l’animo da vero racer – afferma – . Ha solo 16 anni e si batte con i migliori della Moto3. Deve continuare così: testa bassa e gran lavoro su stesso, imparare da Valentino”.

Quanto ai suoi risultati sul fronte commerciale, Albi conclude ricordando che “il cap che indossa Valentino è ormai un must. Le maglie funzionano bene, e a breve usciremo con un nuovo progetto”. Anche così si misura la stoffa di un campione.