MotoGP, Lin Jarvis chiede scusa a Valentino: “Potevi vincere”

Lin Jarvis
Lin Jarvis (©Getty Images)

La Yamaha non è allarmata dai problemi al motore riscontrati nelle Qualifiche e in gara lo scorso weekend al Mugello. A quanto risulta, il fattore di criticità sarebbe già stato “localizzato”, ma la causa esatta resta da identificare. E in attesa di un riscontro più dettagliato dal Giappone, dove i propulsori sono stati inviati per tutte le verifiche del caso da parte degli ingegneri della Casa dei tre Diapason, Lin Jarvis si scusa con Valentino Rossi per il doloroso KO subìto in casa.

Il principale responsabile della Casa giapponese per la MotoGP aveva già rivelato alcuni dettagli dopo la gara di domenica: “Non siamo del tutto sicuri, ma sappiamo da dove è partito il problema”, ha detto Lin Jarvis, come riporta Marca.com. E precisamente è stato localizzato “nella parte terminale del motore. E’ qualcosa di abbastanza insolito. L’ultima volta che abbiamo avuto un guasto in corsa è stato a Indianapolis nel 2012 con Ben Spies. Ed è ancor più strano che se ne siano verificati due nello stesso giorno”.

“Ovviamente, è qualcosa che dobbiamo analizzare fin nei minimi particolari – prosegue il manager – . I materiali sono già stati inviati in Giappone e certamente prima di Barcellona avremo un riscontro dettagliato”.

Il managing director Lin Jarvis della Yamaha è convinto che i limiti regolamentari vigenti per il suo team, così come per la Honda e la Ducati, non verranno superati. “Abbiamo abbastanza motori di riserva per gestire tranquillamente il resto della stagione. Quindi non siamo preoccupati per il numero di motori per il resto dell’anno”.

Resta però il dispiacere per quanto  è successo a Valentino Rossi. “Ci dispiace – ammette Jarvis – perché abbiamo perso una grande occasione per fare una doppietta… Fortuna e sfortuna si sono alternate, visto che Jorge Lorenzo è stato penalizzato nel warm up. Dispiace soprattutto perché Valentino aveva il potenziale per vincere”.