Mugello, Jorge Lorenzo: “Vittoria bellissima, Rossi sfortunato”

Jorge Lorenzo
Jorge Lorenzo (©Getty Images)

Dopo le Qualifiche di ieri, Jorge Lorenzo non poteva immaginare una gara migliore di quella di oggi al Mugello. Il campione in carica MotoGP ha vinto il Gran Premio d’Italia in volata su Marc Marquez. Nonostante una situazione ambientale difficile, visto che presso il circuito sono quasi tutti tifosi di Valentino Rossi, lo spagnolo ha fornito una super prestazione dimostrando la propria forza anche nel duello corpo a corpo con il connazionale.

Il maiorchino si conferma in testa alla classifica del campionato e adesso ha 115 punti, 10 in più rispetto al rivale della Honda e 37 sul compagno di team in Yamaha, invece ritirato oggi per una rottura al motore, stessa cosa successa al Porfuera nel warm-up. Lui è stato più fortunato a rompere non in gara. All’interno del box dovranno capire cosa è successo, perché rompere due propulsori nel giro di poche ore non è certo normale.

Mugello: Jorge Lorenzo gode per la vittoria

Jorge Lorenzo al termine della corsa si è concesso ai microfoni di Sky Sport e ha commentato così il suo terzo successo stagionale: “E’ stata una delle vittorie più belle della mia carriera, però ne ho fatte tante altre belle ed emozionanti. Qualcuno diceva che sapevo vincere solamente partendo dalla pole position e imponendo poi il mio ritmo, però loro non sanno che io avendo questa facilità nel partire bene la devo sfruttare. Altre volte ho vinto anche rimontando, lottando con gli altri. Oggi, partendo in seconda fila, ho dovuto fare una buona partenza e tirare per tutta la gara”.

Non è stato vincere per il campione del mondo in carica MotoGP: “Ero stanco, perché ho tirato tutto il tempo – spiega -. Non riuscivo ad andare via, Marquez era lì. Credevo avesse più energia, però sono riuscito ripassarlo quando mi ha superato. Avevo pensato che anche secondo sarebbe andato bene, però ho cercato di fare bene l’ultima curva e con la scia di vincere. Era chiaro che il nostro motore era più veloce di quello Honda”.

Gli viene fatto notare che è stato fortunato a vedersi rompere il motore nel warm-up e non in gara, cosa successa invece a Valentino Rossi: “Oggi sono stato fortunato e lui molto sfortunato. Con un giro in meno do warm-up avrei rotto in gara con quel motore. Sarebbe stato un disastro se avessi rotto entrambi in gara. Comunque dobbiamo capire cosa sta succedendo, non  normale rompere due motori in poche ore”.