MotoGP, Jorge Lorenzo: “Vorrei la velocità della Ducati”

Jorge Lorenzo
Jorge Lorenzo (©Getty Images)

Il campione del mondo Jorge Lorenzo oggi ha chiuso la giornata di prove con il secondo tempo alle spalle della Ducati di Andrea Iannone ed è ottimista sulle qualifiche del round d’Italia della MotoGP. “Domani credo che possiamo migliorare ancora qualcosa andando ancor più veloci”, dice a fine giornata, come riporta Repubblica.it.

“Ho fatto 1’48”4 al primo giro ed è un ottimo tempo su questo circuito con questa moto e queste gomme – spiega il maiorchino – . Nell’ultimo giro, con gli stessi pneumatici, sono ulteriormente migliorato quindi il feeling partendo con questo setting è buono”.

 

L’ambizione di Lorenzo

Jorge Lorenzo non è preoccupato per il distacco di quasi mezzo secondo preso oggi dal ducatista Andrea Iannone e neanche dalla velocità di punta della Desmosedici GP: si dice convinto che questa differenza sia dovuta solamente alla gomma nuova e che in realtà forse sul passo lui è messo meglio rispetto al pilota di Vasto. “Questo è il test track della Ducati, quindi qui fanno tanti chilometri e conoscono ogni segreto – ha spiegato a Motorsport.com – . Il tempo di Iannone però penso che sia dovuto alla gomma nuova e al fatto che è riuscito a sfruttare il maggior grip che gli ha offerto. A livello di passo la condizione è simile… Anche Marquez però è molto vicino. Alla fine comunque è solo venerdì e inoltre abbiamo potuto sfruttare un solo turno”.

“Chiaramente mi piacerebbe avere la stessa velocità di punta della Ducati – ha aggiunto lo spagnolo – , ma d’altro canto la Yamaha ha i suoi punti di forza, quindi dobbiamo badare a tirare fuori il massimo da questi. Per esempio qui sembra che possiamo mantenere un ritmo molto costante per la distanza di gara. Ovviamente contro Iannone e Dovizioso è possibile perdere la prima posizione alla fine del rettilineo, ma la gara è molto lunga e credo che la cosa più importante sia avere un buon ritmo quando la gomma inizia a calare e credo che noi l’avremo domenica pomeriggio”.

Infine, a chi gli domanda se nel 2017 proverà a portarsi alcuni membri della sua squadra in Ducati, Lorenzo risponde candidamente: “Mi piacerebbe tenere più membri possibile della mia squadra, ma non penso che la Ducati mi consentirà di tenerne il 100%”.